La Calabria resta a casa e i social si scatenano contro Spirlì

di Giovanni Bevacqua – La Calabria non ci sta. O meglio, i calabresi non ci stanno. La decisione del Governo di inserire la nostra regione tra le zone rosse d’Italia, alla pari di Piemonte e Lombardia, ha mandato piccoli e grandi imprenditori su tutte le furie. Non per il lockdown di per sé ma per come è maturato. Per l’assenza di strategie e azioni da parte di chi amministra questa terra. Perché se oggi la Calabria deve nuovamente “restare in casa” non è solo per la forte diffusione del Coronavirus (che in ogni caso è molto più accentuata rispetto al primo lockdown) ma principalmente perché la regione non si è attrezzata per affrontare questa seconda, già annunciata, ondata. Del resto, siamo quelli che, numeri alla mano, hanno fatto il meno possibile per prepararsi all’inevitabile. Dei 280 posti di terapia intensiva che si sarebbero dovuti realizzare durante l’estate, ne sono usciti fuori solamente 6. Che si aggiungono ai 146 già esistenti.

Ma questa è la Calabria. E durante l’estate, piuttosto che prepararsi ad un lungo inverno, ha preferito lanciarsi in inviti altisonanti, chiedendo agli italiani un’invasione per riempire locali e stabilimenti balneari. Tanto in Calabria c’è solo il rischio di ingrassare, si diceva. Certo, per chi porta a casa 15mila euro al mese, sempre e comunque, il rischio è palese. Ma la verità è che da queste parti, oggi, il rischio è quello di morire di fame. Altro che ingrassare. Ed è con lo stomaco logoro che in centinaia stanno sfogando tutta la propria rabbia sotto la Cittadella regionale. E si scagliano contro il presidente facente funzioni Nino Spirlì. Ne hanno fatto un meme sui social, trasformandolo da uomo politico a uomo di spettacolo, evidenziando una certa somiglianza con Cristiano Maglioglio. Perché in fondo, anche Spirlì è stato parte di chi, nei caldi mesi d’estate, in cui si sarebbe potuto fare tanto per prevenire questa situazione, ha preferito concedersi un bel “gelato al cioccolato”…

Ma questa è la Calabria. E durante l’estate, piuttosto che prepararsi ad un lungo inverno, ha preferito lanciarsi in inviti altisonanti, chiedendo agli italiani un’invasione per riempire locali e stabilimenti balneari. Tanto in Calabria c’è solo il rischio di ingrassare, si diceva. Certo, per chi porta a casa 15mila euro al mese, sempre e comunque, il rischio è palese. Ma la verità è che da queste parti, oggi, il rischio è quello di morire di fame. Altro che ingrassare. Ed è con lo stomaco logoro che in centinaia stanno sfogando tutta la propria rabbia sotto la Cittadella regionale. E si scagliano contro il presidente facente funzioni Nino Spirlì. Ne hanno fatto un meme sui social, trasformandolo da uomo politico a uomo di spettacolo, evidenziando una certa somiglianza con Cristiano Maglioglio. Perché in fondo, anche Spirlì è stato parte di chi, nei caldi mesi d’estate, in cui si sarebbe potuto fare tanto per prevenire questa situazione, ha preferito concedersi un bel “gelato al cioccolato”…

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved