La Cgil vede una “regia” dietro il caso Sacal: “La malapolitica ha fatto affari con le privatizzazioni”

Il sindacato invoca il commissariamento della società e invita Occhiuto a chiedere le dimissioni di De Metrio. "Una sola famiglia non poteva fare tutto"
Scalese Costantino Sposato cgil

Che la Cgil calabrese chiedesse, come ha fatto in una conferenza stampa oggi, il commissariamento della Sacal e le dimissioni di Giulio De Metrio c’era da aspettarselo. Da mesi il sindacato, in particolare la Filt, ha ingaggiato una dura vertenza nei confronti del presidente del Cda della società aeroportuale invocando la stabilizzazione di stagionali e part time e chiedendo, invano, di conoscere il Piano industriale. Ora che “con strumenti e metodi poco chiari” si è concretizzata la privatizzazione della società, con la maggioranza delle azioni passata in mano agli imprenditori lametini Caruso, il sindacato va anche oltre.

La presunta regia occulta

La presunta regia occulta

La Cgil vede una non meglio definita “regia” dietro l’operazione perché “con tutto il rispetto, una sola famiglia – ha detto Nino Costantino, segretario generale della Filt Cgil – non poteva essere in grado di arrivare a tutto questo”. Dietro, secondo il sindacalista, ci sarebbe invece “un pezzo di malapolitica che con le privatizzazioni ha fatto affari in questa regione”. Affiancato dal segretario generale della Cgil Area Vasta, Enzo Scalese, e dal segretario generale della Cgil Calabria Angelo Sposato, Costantino ha inoltre parlato di una visita dell’Ispettorato del Lavoro avvenuta il 9 novembre a Lamezia “per verificare se si fossero concretizzate le procedure di esternalizzazione che avevamo denunciato”, e ha invocato chiarezza sul punto centrale della vicenda: “Bisogna capire se l’azienda è a partecipazione pubblica o se è invece controllata dal pubblico. Noi abbiamo gli elementi per sostenere che è controllata dal pubblico”.

“Scongiurare il rischio della chiusura degli aeroporti”

Com’è noto l’Enac ha avviato la procedura che potrebbe portare alla revoca della concessione per la gestione dell’aeroporto di Lamezia e al commissariamento della Sacal. Quest’ultimo provvedimento permetterebbe, secondo la Cgil, di “approfondire tutti i dettagli della vicenda ed è possibile anche scongiurare il rischio della chiusura degli aeroporti, con gravi ripercussioni sul piano occupazionale”. Lo stesso Costantino ha parlato di “contorni oscuri che vanno chiariti” accusando la politica di essersi “mostrata poco attenta prima delle elezioni e dopo”. Essendo De Metrio il rappresentante della Regione nel Cda, il sindacato ha dunque invitato Occhiuto a chiederne “subito le dimissioni, prima della riunione del Cda della società prevista domani”. La Cgil ha ricordato di aver “già presentato esposti alla magistratura su quanto avvenuto alla Sacal negli ultimi anni fino all’epilogo di queste ore” e ha infine chiesto “che si accertino ai vari livelli le responsabilità della privatizzazione di una grande azienda calabrese”.

s. pel.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il pubblico ministero non aveva chiesto la condanna o l’assoluzione per maltrattamenti in famiglia ma il giudice aveva già deciso
Chi viene sorpreso al volante con lo smartphone in mano avrà la patente sospesa per una settimana se su questa ci sono almeno 10 punti
Il cane sarebbe scappato da una casa approfittando del cancello aperto: non sarebbe il primo episodio di aggressione
A seguito delle querele sporte dagli automobilisti coinvolti, la polizia ha individuato la donna e l'ha denunciata
L’uomo, un assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria, lavorava nel servizio a turno ed era stato anche aggredito 4/5 anni fa
"Il governo Meloni - ha detto la sottosegretaria - imprime una forte accelerata alle attività messe in campo per sottrarre al degrado una delle zone più critiche sotto il profilo ambientale"
Il generale dovrà spiegare ai pubblici ministeri che cosa accadde quando era il rappresentante della Difesa in Russia
Lo scopo è quello di evitare la commissione di reati più gravi da parte di persone ritenute socialmente pericolose
Una riunione formale, diversi punti tracciati e soprattutto tante nuove iniziative da proporre
"Qualora dovesse paventarsi un’intenzione seria che vada in quella direzione - afferma Comito - siamo pronti ad attivarci in ogni sede"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved