Calabria7

La CSA-Cisal: “Che fine ha fatto la delibera sulla pianta organica di Azienda Calabria Lavoro?”

La CSA-Cisal, qualche mese fa, si era occupata della “vicenda di decine e decine di delibere della Giunta regionale che, seppur adottate, non erano mai state pubblicate”. A giudizio del sindacato si tratta di un'”incredibile lacuna amministrativa di trasparenza dell’ente” considerando anche l’”estrema rilevanza del contenuto di molti di quei provvedimenti. Fra queste, nell’elenco di quelle segnalate ce ne è una – addirittura del 2018 – che merita particolare attenzione. È la delibera numero 664, adottata appunto il 31 dicembre del 2018. L’oggetto è il seguente: “Presa d’atto modifica e integrazione della dotazione organica di Azienda Calabria Lavoro a seguito della Legge regionale n. 52 del 2018”. Inutile dire che ancora oggi la delibera della Giunta non è pubblicata. Anzi peggio, pare non sia stata notificata per il seguito di competenza all’ente interessato, ossia alla stessa Azienda Calabria Lavoro”.

“Una delibera rimasta nel cassetto con la previsione di 287 lavoratori nella dotazione organica di Calabria Lavoro e 5,1 milioni all’anno”

Un “buco impressionante e grave” a giudizio dei rappresentanti CSA-Cisal. “Per capirne di più basta ricordare ‘l’entità’ degli atti connessi. La legge regionale numero 52 adottata dal Consiglio regionale è peraltro d’iniziativa della Giunta regionale (il testo era stato adottato con la delibera numero 620 del 10 dicembre 2018). Già questo – sottolinea il sindacato CSA-Cisal – rappresenta un ulteriore elemento che rende misterioso il perché la presa d’atto della modifica della dotazione organica di Azienda Calabria Lavoro non sia stata poi recepita nelle forme necessarie dall’esecutivo regionale. Il testo prevedeva l’impegno finanziario di 5,1 milioni di euro annui per coprire l’inserimento nella dotazione organica di 287 lavoratori (201 di categoria C, 11 di categoria B e 75 di categoria D). Dipendenti appartenenti al bacino delle leggi numero 28 del 2008 e numero 8 del 2010. Insomma, un provvedimento per contrastare il precariato, con un impegno di risorse pubbliche non indifferente e fondamentale per tutelare i lavoratori coinvolti. Dopo i passaggi prima in Giunta e poi in Consiglio (ricordiamo che parliamo della precedente legislatura a guida Mario Oliverio) ci fu anche un decreto del dg allora in carica di Azienda Calabria Lavoro, il numero 106 del 21 dicembre 2018 che appunto recepiva le modifiche alla pianta organica. Più avanti, il 23 gennaio del 2019 seguì il decreto numero 5 che conferma l’impegno di spesa di 5,1 milioni di euro. Ma ancora non è possibile conoscere che fine abbia fatto la delibera della Giunta numero 664 del 31 dicembre 2018. Eppure, sono passati quasi tre anni”.

“La formalizzazione dell’atto della Giunta sparì”

Secondo i rappresentanti del sindacato, “che tale atto fosse importante e dovesse essere formalizzato dal dipartimento competente ‘Lavoro, Formazione e Politiche Sociali’, oltre che essere pubblicato, ne era perfettamente consapevole anche il segretariato generale della Regione. Allora rivestiva l’incarico di ‘notaio dell’Ente’ Ennio Apicella che il 7 gennaio 2019 chiese appunto al dg del dipartimento ‘Lavoro, Formazione e Politiche Sociali’ di procedere alla ‘formalizzazione della predetta deliberazione’ che in un altro passaggio si scoprirà essere stata approvata ‘con modifiche’ nella seduta del 31 dicembre 2018. Il segretario generale dell’epoca e dirigente del settore ‘Segreteria di Giunta’ fecero – rivela il sindacato CSA-Cisal – ben altri quattro solleciti scritti: il 13 febbraio 2019, il 12 aprile 2019, il 1° luglio 2019 e il 25 settembre 2019. Loro stessi sottolineando ‘il tempo trascorso’. Da allora non se ne seppe più nulla e cessarono anche i solleciti. Probabilmente anche perché in successione subentrò la nuova Legislatura e cambiarono direttori generali e segretario generale. Ma la delibera rimane nel cassetto e non viene formalizzata”.

La Giunta regionale “ha il dovere di vigilanza e controllo sulla pianta organica di Azienda Calabria Lavoro”

A giudizio del sindacato “potrebbe non essere soltanto una questione di trasparenza. Infatti, la legge regionale numero 5 del 2001 (in materia di lavoro e politiche sociali) prevede una serie di norme che disciplinano la vigilanza e il controllo della Giunta su Azienda Calabria Lavoro. L’articolo 25 dispone testualmente che l’’Azienda è sottoposta alla vigilanza della Giunta regionale tramite il competente settore che si esercita con il controllo degli atti afferenti: a) il bilancio di previsione e il programma annuale di attività; b) il rendiconto generale annuale e c) la pianta organica’. Non ci sono particolari dubbi che l’intera vicenda ricada proprio in quest’ultima  fattispecie. Come detto – aggiunge il sindacato CSA-Cisal – ci sono stati due decreti del direttore generale dell’epoca di Azienda Calabria Lavoro che avevano preso atto della modifica della pianta organica e poi del relativo stanziamento in bilancio. Eppure, è sempre mancata la formalizzazione della delibera di Giunta numero 664 essenziale per la completezza del procedimento amministrativo.

“Dopo tre anni è ora di tirare fuori la delibera”

A quasi tre anni di distanza, secondo i rappresentanti della CSA-Cisal, “la circostanza che una delibera così importante non sia stata formalizzata e nemmeno pubblicata è inqualificabile, il fatto che riguardi un così elevato numero di dipendenti (ricordiamo del bacino della legge 28 del 2008 e della legge numero 8 del 2010) è indecente. Non è ammissibile – tuona il sindacato CSA-Cisal – che un’amministrazione pubblica sia così superficiale nei confronti dei lavoratori. Possibile che questa delibera sia sparita? Esisterà pure un verbale della seduta di Giunta, perché non si trova l’atto? E cosa significa quanto riportato dal sollecito del segretario generale di allora che la delibera era stata approvata ‘con modifiche’? Ripetiamo, non si tratta soltanto di un macroscopico buco nella trasparenza dell’Ente (tuttora esteso visto che molte altre delibere di Giunta sono da lungo tempo non pubblicate) ma anche di linearità nei procedimenti amministrativi, che in questo caso addirittura tocca circa 300 dipendenti.

La richiesta del sindacato

Dal sindacato arriva la richiesta al dg del dipartimento ‘Lavoro’, “che sappiamo essere attento e preciso, di risolvere questo mistero e far uscire finalmente il testo di questo provvedimento provvedendo alla sua pubblicazione. Anche l’attuale commissario di Azienda Calabria Lavoro potrà trovarsi con una procedura amministrativa più completa rispetto a quella attuale in cui non tutti i tasselli sembrano al loro posto. La politica non stia a guardare ma assuma un atteggiamento responsabile affinché tutte le carte siano recuperate e i lavoratori siano rassicurati. Questi ultimi non meritano certo di ritrovarsi con spiacevoli sorprese a distanza di tre anni. I dipendenti meritano rispetto. Per questo – conclude il sindacato CSA-Cisal – si azzeri una volta per tutte questa imbarazzante prassi di non pubblicare le delibere dell’esecutivo a distanza di molto tempo. Non è serio che atti amministrativi di questo tipo non si trovino a tre anni di distanza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cosenza, l’8 aprile incontro sulla riforma del welfare

Matteo Brancati

“Beppe Grillo non fa ridere, mortifica i calabresi”

manfredi

Regione, Aieta (Dp): “Si sta tentando di rinviare ancora il Consiglio”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content