La difesa di Manna dopo il Riesame: “Gli hanno fatto le pulci, esclusa la corruzione”

I legali: "Ridotta in maniera notevole la ragione per la quale il primo cittadino non può temporaneamente svolgere il proprio mandato"
inchiesta reset

“Con riferimento alla odierna decisione del Tribunale del Riesame di Catanzaro, che nel confermare la misura cautelare del divieto di dimora in Rende ha comunque annullato l’ordinanza del gip con riferimento all’ipotesi di corruzione, per insussistenza di gravità indiziaria, va evidenziato come la radicale esclusione del più grave delitto corruttivo, per il quale il pubblico ministero, nella sua richiesta, e il gip, nella sua ordinanza, avevano speso lunghe e corpose argomentazioni, riduca in maniera notevolissima la ragione per la quale il sindaco di Rende democraticamente eletto non possa momentaneamente svolgere il suo mandato, ravvisabile soltanto nell’essersi egli interessato, quale amministratore attento e sensibile ad ogni problematica sociale, affinché la gara d’appalto per la gestione del centro diurno per minori disagiati venisse utilmente svolta, onde garantire la prosecuzione di quel delicato ed importante servizio, senza alcun vantaggio, senza alcun interesse, tantomeno di tipo elettorale, e, soprattutto, nella piena consapevolezza di aver comunque agito in termini di assoluta legalità». Così, in una nota, il legale del sindaco (sospeso) di Rende Marcello Manna dopo la decisione del Tribunale del riesame.

“La ferma negazione – continua la nota –, da parte del Tribunale della Libertà, della gravissima ipotesi corruttiva, per la quale i magistrati inquirenti ieri intervenuti all’udienza camerale avevano particolarmente insistito, rappresenta, nel contesto di un’indagine capillarmente estesa all’integrale azione amministrativa di Marcello Manna (gli hanno “fatto le pulci”!), la più evidente e netta riprova della complessiva legittimità e liceità della sua attività, nonché un risultato pienamente positivo per le tesi difensive, che saranno prossimamente definitivamente accolte anche quanto alla residua contestazione di turbativa d’asta”.

“La ferma negazione – continua la nota –, da parte del Tribunale della Libertà, della gravissima ipotesi corruttiva, per la quale i magistrati inquirenti ieri intervenuti all’udienza camerale avevano particolarmente insistito, rappresenta, nel contesto di un’indagine capillarmente estesa all’integrale azione amministrativa di Marcello Manna (gli hanno “fatto le pulci”!), la più evidente e netta riprova della complessiva legittimità e liceità della sua attività, nonché un risultato pienamente positivo per le tesi difensive, che saranno prossimamente definitivamente accolte anche quanto alla residua contestazione di turbativa d’asta”.

LEGGI ANCHE | Corruzione, confermato il divieto di dimora per il sindaco di Rende Marcello Manna

LEGGI ANCHE | Presunta corruzione e turbativa d’asta a Rende, i legali di Manna depositano i documenti al Riesame

LEGGI ANCHE | “Reset”, Riesame Catanzaro attesta estraneità ai fatti del sindaco Manna

LEGGI ANCHE | A Rende i consiglieri d’opposizione presentano mozione di sfiducia contro il sindaco Manna

LEGGI ANCHE | Inchiesta Rende, Manna: “Sfregio perpetrato nei confronti della città”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved