La firma di Gratteri sulla cattura del super latitante Pasquale Bonavota: “Lo abbiamo preso così”

Il procuratore di Catanzaro racconta come i carabinieri del Ros sono riusciti a scoprire dove si nascondeva: "Fondamentali le intercettazioni"
gratteri

Intercettazioni e pedinamenti. Così i carabinieri del Ros e dei comandi provinciali di Genova e Vibo sono riusciti a individuare i fiancheggiatori di Pasquale Bonavota e a mettersi sulle sue tracce fino a localizzarlo a capoluogo ligure dove oggi è stato catturato dopo quattro anni di latitanza. L’operazione è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e dietro la cattura del super latitante, il più ricercato dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro, c’è la firma di Nicola Gratteri: “Siamo arrivati a scoprire che si nascondeva a Genova – dice il procuratore di Catanzaro – grazie alle intercettazioni telefoniche, quelle che si dice non servano e che invece ancora una volta si sono rivelate come uno strumento fondamentale. Sono serviti pedinamenti, grande studio dei telefoni e delle chat. Così siamo riusciti a risalire ai profili di tutti i suoi favoreggiatori”. Altrettanto importante la sinergia tra la Procura di Catanzaro e le varie articolazioni dei carabinieri. “E’ stato fatto – sottolinea Gratteri – un lavoro importante reso possibile attraverso il rapporto collaudato tra la Procura e le forze dell’ordine non solo appartenenti al distretto giudiziario catanzarese”.

Catturato a Genova come il fratello

Catturato a Genova come il fratello

Pasquale Bonavota è stato catturato a Genova, in Liguria, una delle roccaforti dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta di Sant’Onofrio. Anche il fratello Domenico fu arrestato dopo un lungo periodo di latitanza nel capoluogo ligure nel 2008 dove è stato preso in una spiaggia a Voltri mentre con un altro ricercato, Antonio Patania, stavano salendo a bordo di un’automobile al termine di una giornata trascorsa in spiaggia. A distanza di 15 anni la storia si ripete e anche la fuga di Pasquale Bonavota si è conclusa in Liguria, in una chiesa di Genova dove si era recato nella mattinata di oggi non sapendo di essere ormai finito nel mirino dei carabinieri. “Aveva delle persone vicine, ma lui si nascondeva anche all’estero. Come in Francia. Siamo riusciti ad arrestarlo dopo mesi che lo seguivamo”, spiega Nicola Gratteri. Un paio di settimane fa i carabinieri avevano organizzato un blitz a Sant’Onofrio rastrellando tutta la zona dove abitano i familiari del latitante. Nulla di fatto. Almeno in quel caso. Diverse piste portavano fuori dalla Calabria: a Roma, il centro dei principali affari di Bonavota, ma anche in Piemonte, tra Moncalieri e Carmagnola, dove diverse indagini hanno svelato la presenza di un’articolazione di ‘ndrangheta riconducibile alla famiglia di Sant’Onofrio. Tentacoli che arrivavano fino a Genova e alla Liguria, altro zona di interesse della “famiglia” Bonavota. “Era una persona al vertice dell’organizzazione criminale e non per questo era il primo della lista dei super latitanti in Italia. Un capo – sottolinea Gratteri – non può stare fermo, deve continuare a muoversi e a gestire gli ‘affari’, se no perde il potere all’interno della cosca”. (mi.fa.)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, colpo grosso dei Ros: arrestato a Genova il super latitante Pasquale Bonavota

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved