La Ges Anm Catanzaro: “Respingiamo le gravi accuse alla magistratura. Laicamente sacra la libertà del giudice”

La Giunta esecutiva sezionale replica alle Camere penali calabresi:”Auspichiamo un piu’ leale confronto rispettoso della dignità di tutti gli operatori del diritto”

“Alla luce delle recenti esternazioni contenute nel comunicato del Coordinamento Camere Penali Calabresi in occasione della pubblicazione di un dispositivo di sentenza di assoluzione di un noto professionista pronunciato dalla Corte d’Appello di Catanzaro in riforma della condanna di primo grado, appare doveroso il richiamo ai canoni cui ogni forma di manifestazione di pensiero critico deve essere improntata per essere efficace e credibile”. Risposta dura, attraverso una nota, quella della Giunta Esecutiva Sezionale Associazione Nazionale Magistrati di Catanzaro che “bacchetta” le Camere Penali.
“Come noto – si legge ancora – l’Ordinamento italiano contempla, nell’esercizio della Giurisdizione, tre diversi gradi di giudizio nella cui adizione le sentenze emesse possono essere confermate o riformate: è dunque nella fisiologica attuazione di tale sistema che una decisione di primo grado è stata riformata in grado d’appello”.

“Gravi e irricevibili affermazioni”

“Non v’è alcuna macchinosa e oscura trama tesa a privare della libertà un innocente – precisa la Giunta esecutiva Anm di Catanzaro – ma semplice attuazione dell’ordinamento italiano che disvela la propria efficacia nella dialettica processuale. Neppure può cedersi alla non veridica equazione secondo cui l’esercizio dell’azione penale coincida con una sentenza di condanna, sì che l’assoluzione dell’imputato si traduce nel disvelamento di una illecita persecuzione: il processo è il luogo, unico, nel quale accertare la verità – processuale, appunto – dei fatti contestati e l’assoluzione dell’imputato non può intendersi come fallimento dell’accusa ma esito di un confronto, vitale per la giurisdizione, tra le parti tutte.
Si respingono fermamente le gravi e irricevibili affermazioni tese a descrivere la Magistratura quale sistema cancerosamente attinto dalla cultura del sospetto, attrice di una vergognosa macchina nel cui circuito il cittadino innocente è assurdamente processato”.

Lo scudo all’operato dei magistrati

“Infaticabile è l’opera di tanti Magistrati – prosegue la Ges – che giungono in Calabria anche da più parti d’Italia e sacrificano nelle aule dei Tribunali affetti e vita personale per garantire a tutti i cittadini pienezza nella risposta di giustizia in obbedienza ai principi costituzionali e ordinamentali.
Lontana è la miseria etica del pregiudizio attribuita alla classe giudiziaria che silenziosamente è impegnata nell’adempimento del suo dovere. Laicamente sacra è la libertà del giudice, nel suo perimetro di solitudine ed equidistanza, al cui interno assume le decisioni che possono esser criticate nelle sedi opportune e col giusto atteggiamento dialogico improntato al rispetto istituzionale.
Certi che quanto sostenuto nel comunicato in questione non interpreti il pensiero della totalità degli avvocati e nell’auspicio di un più equilibrato e leale confronto, rispettoso della dignità di tutti gli operatori del diritto, la Ges manifesta chiara e ferma vicinanza ai Magistrati del Distretto di Catanzaro”.

LEGGI QUI | “Offese gratuite dalle Camere Penali”, si riaccende lo scontro tra avvocati e magistrati a Catanzaro

LEGGI QUI | L’avvocato Veneto assolto, le Camere Penali: “La sentenza non cancella la condanna del processo”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved