“La leggenda di Belle e la Bestia: il musical” a Catanzaro, una fiaba che fa sognare

Le novità volute dal regista Luca Cattaneo nello spettacolo di AMA Calabria mantengono la narrazione sui binari già conosciuti del cartone Disney

Una fiaba che diventa realtà. La fantasia si trasforma in una leggenda, raccontando in maniera diversa una storia d’amore, che ha sempre affascinato grandi e piccini per la sua delicatezza. Con “La leggenda di Belle e la Bestia: il musical”, andata in scena ieri sera al Teatro Comunale di Catanzaro, con Enrico Galimberti e Diletta Belleri, la Compagnia dell’Ora e il regista Luca Cattaneo danno una chiave di lettura diversa, ma coerente con quella descritta da Disney.

L’evento, organizzato da AMA Calabria, diretta da Francescantonio Pollice, è finanziato con risorse PAC 2014/2020 erogate ai sensi dell’avviso pubblico “Eventi di promozione culturale” emanato dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura”.

L’evento, organizzato da AMA Calabria, diretta da Francescantonio Pollice, è finanziato con risorse PAC 2014/2020 erogate ai sensi dell’avviso pubblico “Eventi di promozione culturale” emanato dalla Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura”.

La nuova narrativa di La bella e la Bestia

Il narratore della storia (Federico Della Sala) racconta dettagliatamente gli accadimenti riportandoci indietro nel tempo. Sui due protagonisti viene gettato un maleficio che li allontana, cancellando tutto ciò che li aveva uniti e dimenticandosi l’uno dell’altra. Il principe, ancor di più subisce la trasformazione in una figura dalle sembianze animalesche, che lo spinge a nascondersi nel suo castello. La Bestia (Enrico Galimberti) può superare quella condizione solo trovando, o meglio ritrovando, una donna che lo ami più della sua stessa vita.

La freschezza e la semplicità di Belle (Diletta Belleri) sono in contrasto al suo essere una ragazza matura, il cui carattere forte la porta a essere intraprendente e molto legata ai suoi affetti familiari. Un rapporto profondo è quello che la lega a suo fratello Bernard (Alessandro Gaglio) e sua sorella Clotilde (Elisa Priano). L’avventura di Belle è piena di problemi e di ostacoli. Su tutti Miguel (Manuel Diodato), il suo spasimante, deciso a fare di tutto pur di sposarla. Tra tante vicende che sembrano allontanare Belle dall’amore, il destino la porta nel castello della Bestia. I sentimenti si intrecciano a situazioni grottesche, ricche di spunti umoristici.

Protagonisti danno un tono ironico

Protagonisti che danno un tono ironico ad alcuni nuovi personaggi, anche loro colpiti dal maleficio. Poltrén, poltrona del castello (anche in questo ruolo Federico Della Sala), l’improbabile stilista Vittòn (Alessio Bendoni), l’esuberante e passionale camino Angelique, e la divertente specchiera Clarisse (secondo ruolo di Elisa Priano) contribuiscono con la loro verve a far incontrare Belle e la Bestia.

Le novità volute dal regista Luca Cattaneo mantengono, comunque, l’intera narrazione sui binari già conosciuti del cartone animato disneyano. Merito va dato anche a tutti i componenti della Compagnia dell’Ora, che sanno emozionare e far sorridere, creando una forte empatia con il pubblico, sempre partecipe e appassionato all’intero svolgersi della vicenda.

Ambientato nell’Ottocento, Galimberti con le sue composizioni ha saputo conferire al musical un tocco ideale per quel periodo. La “colonna sonora”, i cui testi sono di Luca Cattaneo, non è un semplice complemento legato allo spettacolo, ma come deve essere per un vero musical, sono l’asse trainante. Tutti i personaggi mettono in mostra ottime doti canore. Enrico Galimberti con la sua voce imponente si contrappone a quella dolce di Diletta Belleri, entrambi dotati di diversi registri di tono.

I prossimi appuntamenti di AMA Calabria

La stagione teatrale di AMA Calabria continuerà con un doppio appuntamento. Giovedì 1 febbraio e sabato 3 febbraio, alle ore 21, rispettivamente al Teatro Grandinetti di Lamezia Terme e al Teatro Comunale di Catanzaro, sarà di scena Alessandro Benvenuti con la commedia “Falstaff a Windsor”, un lavoro dedicato a uno dei grandi personaggi di William Shakespeare. In questo adattamento l’eroe e l’antieroe “resuscita” a Windsor, esprimendo la natura del suo personaggio, grazie a una superba interpretazione di un attore da sempre uno dei più amati del nostro Paese.

I biglietti di “Falstaff a Windsor” potranno essere acquistati presso la biglietteria del Teatro Comunale di Catanzaro o presso la biglietteria del Teatro Grandinetti di Lamezia Terme, oppure s’invita a consultare il sito www.amaeventi.org, per l’acquisto on line. Per ulteriori informazioni ci si potrà rivolgere alla segreteria al numero telefonico 0961.741241 e 389.0670191, oppure 0968.24580 e 334.2293957 o contattandoci alla mail info@amacalabria.org.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il progetto prevede una serie di incontri informativi sul fenomeno e la distribuzione di un opuscolo - una sorta di vademecum - fumettistico
Sempre oggi, in un altro cantiere, si è verificato un incidente in cui due giovani operai sono rimasti gravemente feriti per il crollo di un tetto
"Ad un anno dalla strage - scrive Rete 26 febbraio - non è stato ancora garantito loro il diritto alla verità e alla giustizia e di potersi ricongiungere con le rispettive famiglie"
L'auto fotografata nella mattinata di sabato in sosta nell’area pedonale antistante palazzo Gagliardi, in pieno centro storico
Le borse saranno assegnate ad allievi dai 12 ai 17 anni tramite una lezione-audizione gratuita che si terrà a Cosenza. Ecco come partecipare
Da Ama Calabria grande attenzione per avvicinare i giovani al teatro, con un matinée dedicato alle scuole a Lamezia Terme
Solo negli ultimi due giorni almeno due segnalazioni nel Capoluogo, ma i casi vanno avanti con sempre maggior frequenza in tutta la regione
Giudizio immediato per Figorilli. Sotto inchiesta anche il padre nei cui confronti la Procura procede separatamente
Qualche problema potrebbero averlo alcuni test diagnostici che non sarebbero in grado di identificare correttamente il virus
Lo ha proclamato il sindacato Conapo. "Il nostro è un grido di allarme verso chi, al Ministero dell’Interno, si dimentica troppo spesso della nostra categoria"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved