Calabria7

La missione di De Caprio contro la ‘ndrangheta: “Solo con lo studio e la cultura possiamo sconfiggerla”

praialonga

“A ricordare e riveder le stelle. Un inno alla vita. Un monito a non dimenticare mai le vittime innocenti della mafia. Uomini, donne, bambini inermi dinanzi alla brutalità di menti annebbiate dal male”. È quanto afferma il presidente della commissione regionale anti ‘ndrangheta, Antonio De Caprio, riguardo lo slogan della giornata della memoria, in ricordo delle vittime innocenti della mafia. 

“Le stelle – dichiara De Caprio – sono anche le persone che ogni giorno si battono per la giustizia sociale e la legalità democratica, fari del nostro operare ed esempi ai quali guardare. A loro dobbiamo quotidianamente volgere il nostro sguardo”. 

La frase emblematica, scelta quest’anno da ‘’Libera’’ per la 26ma edizione della giornata della memoria e dell’impegno, racchiude in se numerosi significati che riecheggiano nel nostro intimo.  “Uno su tutti – continua il presidente dell’antimafia regionale – le stelle. Quelle miriadi di luci soffuse che indicano coloro i quali ci hanno lasciato e le persone che, ogni giorno, si battono per la giustizia, lottano per debellare ogni forma di devianza sociale, lavorano per rendere sicura la vita dei cittadini. Dobbiamo tutti continuare a riflettere, approfondire, incontrarci e discutere, rispetto ad un fenomeno che bisogna affrontare a testa alta e senza paure. Bisogna denunciare, denunciare , denunciare”.

“Lo Stato – chiosa Antonio De Caprio – deve stare al nostro fianco nella lotta quotidiana alla criminalità organizzata. Abbiamo bisogno di più presidi di legalità, maggiori uomini e mezzi per le forze dell’ordine. C’è bisogno di un controllo accentuato del territorio. Solo così si può arginare, nell’immediato, il fenomeno ‘ndranghetistico. Siamo consapevoli che, anche quest’anno, a causa della pandemia, non si possono organizzare iniziative. Ma il ricordo non si spegne. La fiamma resta lì, accesa, indelebile a memoria storica”.

“Nonostante ciò – ribadisce il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale – è giusto che si continui a sensibilizzare l’opinione pubblica, rispetto a un’onta chiamata ‘ndrangheta che abbiamo il dovere di debellare ad ogni costo. La soluzione è quella di studiare. Ne sono convinto”.

A tal riguardo il presidente della commissione regionale anti ‘Ndrangheta si rivolge ai giovani. “In questo lungo anno, in cui il Covid ci ha privato delle gioie più belle, come abbracciarci, stringerci la mano, scambiarci sorrisi, risate e ilarità – dice Antonio De Caprio – credo che dedicarsi allo studio sia un buon  viatico. Nella mente di ognuno di noi, ne sono convinto, le parole non rimarranno solo come un soffio di vento. Saranno la base per scritti che arricchiranno l’anima di chi fa della cultura la sola arma capace di farci rinascere. La cultura è vita. La cultura è prosperità. Senza essa non possiamo crescere, maturare, prosperare ed essere cittadini del mondo. Ragazzi studiate, leggete. Non abbandonate il senso stesso del vivere quotidiano. Solo così potremo sconfiggere il male che attanaglia la nostra regione: la ‘ndrangheta”.

De Caprio ricorda il pensiero del giudice Paolo Borsellino: “La lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”. “Le idee di coloro i quali hanno dato la vita per servire onestamente lo Stato – conclude – devono continuare a camminare sulle nostre gambe”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Settingiano è più sicura: la Pro loco dona un defibrillatore alla comunità (VIDEO)

Antonio Battaglia

In Calabria sfida del voto su case popolari: il caso Catanzaro su Corriere.it

manfredi

San Lorenzo del Vallo, al via il Kalabrija Teatro Festival

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content