La musica entra nel carcere di Catanzaro grazie alla band di Michele Ligarò

Nel vasto repertorio, la parentesi napoletana non può non suscitare l’entusiasmo dei numerosi detenuti di origini campane
carcere di catanzaro

Proprio alla fine dell’emergenza epidemiologica, la musica entra nella carcere di Catanzaro, con le note della band di Michele Ligarò, che il 26 marzo suona dentro una casa circondariale, come dice il suo leader, “con lo stesso entusiasmo che riserva ai concerti nei palcoscenici all’aperto”. Parole confermate dalla sistematicità di questi eventi volontari organizzati dalla band nel carcere: per la quarta volta, dopo una lunga pausa dovuta alla pandemia da Covid, nella sala teatro del carcere dialoghi e musica si alternano, con un omaggio ai brani più noti e belli della musica leggera italiana. Nel vasto repertorio, la parentesi napoletana non può non suscitare l’entusiasmo dei numerosi detenuti di origini campane.

L’attenzione della comunità esterna

L’attenzione della comunità esterna

Il direttore del carcere Angela Paravati spiega: “L’attenzione della comunità esterna è fondamentale per far sì che il carcere assolva al suo ruolo di servizio sociale, nell’ottica di una finalità rieducativa della pena: per questo motivo ringrazio questi artisti per la continuità con cui hanno dato attenzione a questo luogo, facilmente dimenticato da tanti”. E c’è di più: “La musica, in quanto educazione all’ascolto, diventa essa stessa educazione alla legalità. Chi fa musica è abituato ad ascoltare, e quindi a non disinteressarsi del prossimo: questo tipo di attenzione è la premessa di qualsiasi percorso rieducativo”.

Il dono dei detenuti alla band

In quest’ottica è da intendersi anche il dono preparato dai detenuti per ringraziare la band della visita: una targa con il simbolo della pace, una colomba, anche per dire un netto ‘no’ alla tragica guerra che sta devastando l’Ucraina, seguita anche da questo luogo. Un messaggio che così arriverà oltre le sbarre: i detenuti del carcere di Catanzaro sono a favore della musica e contro la guerra.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved