Calabria7

Il direttore della Dia: “La ‘ndrangheta a Roma è lo specchio di ciò che avviene in Calabria”

“E’ un salto di qualita’. Per la prima volta, siamo chiaramente ancora nella fase delle indagini, pero’ abbiamo documentato una presenza stabile, non occasionale non episodica, che aveva creato su Roma una riproduzione di cio’ che avviene in Calabria. In Emilia-Romagna, Lombardia, Trentino, Veneto, Piemonte abbiamo ormai decine di strutture di questo genere: le ‘strutture tipiche dell’organizzazione ndranghetista. Per la prima volta abbiamo documentato l’esistenza di una struttura del genere nella capitale alle dirette dipendenze delle strutture calabresi”. Lo ha sottolineato Maurizio Vallone, direttore della Direzione investigativa antimafia, ai microfoni di “Radio anch’io” su Rai radio 1.

Soldi ovunque

“Le mafie fanno soldi dovunque possono: appalti pubblici, attivita’ commerciali, ristoranti, panifici – ha ricordato Vallone – La liquidita’ della criminalita’ organizzata deriva, soprattutto nel caso della ‘ndrangheta, dai traffici internazionali di cocaina dal Sud America. La ‘ndrangheta è leader mondiale perche’ ha una credibilita’ nei confronti dei narcos sudamericani che non hanno difficoltà a inviargli tonnellate di cocaina anche sulla parola perchè sanno che verranno pagati comunque andrà a finire il carico”.

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta a Roma, le intercettazioni: “Siamo pronti per fare la guerra”

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, cosche radicate a Roma: 43 arresti nella capitale e 34 in Calabria

LEGGI ANCHE | Propaggine, scambio elettorale politico-mafioso: sindaco del Reggino in manette

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Marijuana nascosta tra ruderi medievali nel Vibonese

Maurizio Santoro

Vaccinazioni in Calabria, somministrate 10.000 dosi nelle ultime 24 ore

Maria Teresa Improta

Il sindaco Abramo: “Pronta nuova ordinanza. Domani scuole chiuse a Catanzaro”

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content