storie

La ‘nduja che vola, le origini di uno dei cibi calabresi più famosi al mondo

D'ora in poi potrà volare nel bagaglio a mano. Ma lo sapevate che a Spilinga, capitale di questo insaccato grasso e piccante, la pronuncia è un'altra?
'nduja

La ‘nduja, anzi la ‘ndugia come si dice correttamente a Spilinga, suo luogo materno, sta per ottenere il marchio Igp (Indicazione geografica protetta). Ora, un altro riconoscimento. La security di Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) ha concesso allo scalo di Lamezia Airport che l’insaccato possa volare nel bagaglio a mano.

Chi si accosta al tema ‘nduja deve preliminarmente sapere una cosa: la prima regola è pronunciare bene la parola “’nduja”. La dizione corretta è “ndugia”. La pronuncia cambia da paese a paese a seconda delle diverse parlate dialettali. Ma se vi trovate nella capitale di questo insaccato grasso e piccante, cioè Spilinga, il termine “’nduja” va pronunciato alla francese. Derivato da andouille (anduill). Infatti, ricorda un tipo di salsiccia preparato in molte zone della Francia con le interiora del maiale, fegato, polmone, trippe bollite insieme ad erbe e a piante aromatiche o a verdure.

Chi si accosta al tema ‘nduja deve preliminarmente sapere una cosa: la prima regola è pronunciare bene la parola “’nduja”. La dizione corretta è “ndugia”. La pronuncia cambia da paese a paese a seconda delle diverse parlate dialettali. Ma se vi trovate nella capitale di questo insaccato grasso e piccante, cioè Spilinga, il termine “’nduja” va pronunciato alla francese. Derivato da andouille (anduill). Infatti, ricorda un tipo di salsiccia preparato in molte zone della Francia con le interiora del maiale, fegato, polmone, trippe bollite insieme ad erbe e a piante aromatiche o a verdure.

L’origine della ’nduja

L’origine resta ancora da accertare, secondo alcuni sarebbe stata introdotta dagli Spagnoli nel cinquecento assieme al peperoncino, ma come suggerisce il termine ricorda, come detto, un insaccato francese che potrebbe essere stato importato nel periodo Napoleonico (1806-1815), infatti sembra che Gioacchino Murat, Vicerè di Napoli e cognato di Napoleone, abbia ordinato la distribuzione gratuita di un salame simile alla ‘nduja per ingraziarsi i Lazzari dello Stato partenopeo. Alle corte: è il famoso insaccato di maiale, certamente inventato con l’introduzione del peperoncino che non è soltanto condimento, o conservante, ma elemento caratterizzante.

Dunque, un salume tradizionale di una precisa e circoscritta area geografica che oggi viene presentato come prodotto originario ed esclusivo della Calabria e costituisce infatti uno degli elementi base di una recente e, per molti versi, inattuata unità alimentare della regione. Quindi, prodotto tipico ed esclusivo di Spilinga, ma anche dai comuni limitrofi: Zungri, S. Calogero, Caria, Brattirò, Zaccanopoli, Vena, Piscopio, Badia, Limbadi. Centri agricoli dell’altopiano del Poro nel Vibonese.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tra le Regioni con performance ‘intermedie’ nella spesa sviluppo software figura anche la Calabria
l'inviato
Sotto osservazione l’impianto consortile di Acquaro, Arena e Dasà da cinque anni fermo e quello di Pizzo che vomita in mare di tutto
Segnalata diverse criticità nel Catanzarese. I vigili del fuoco impegnati senza sosta anche in provincia di Cosenza
Nei nosocomi San Giovanni di Dio e Mesoraca i reparti allocati al settimo e al secondo piano. Con guasti frequenti agli ascensori
Dietro il giovane si vedono una persona ferita gravemente a terra e i soccorritori che cercano di aiutarla
E' l'iniziativa dell'organizzazione di volontariato "Basta vittime sulla Strada statale 106"
In questa struttura convergono diverse Unità operative: dalla chirurgia alla oncologia, dalla alla radioterapia alla radiologia
Molte le persone che hanno approfittato del caldo per riversarsi in spiaggia e fare il bagno in un mare dalla temperatura gradevole
I tecnici comunali e le squadre dell'impresa sono a lavoro per approntare le più opportune soluzioni
Sono indagati per favoreggiamento aggravato dell'immigrazione clandestina. I quattro sono finiti in carcere
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved