Calabria7

“La nostra storia al Policlinico di Catanzaro simbolo di umanità e speranza”

catanzaro policlinico

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma della Famiglia Fazio. Di seguito il testo integrale della missiva. “In questo periodo storico così particolare ci teniamo a raccontare la nostra storia, simbolo di umanità e speranza. Siamo una semplice famiglia di un piccolo paesino dell’entroterra catanzarese che, dal 19 dicembre 2020, è stata messa a dura prova dalla vita. Proprio quel giorno il nostro papà è stato ricoverato al Policlinico Mater Domini di Catanzaro, sito a Germaneto, Da lì a poco abbiamo scoperto che, purtroppo, una malattia molto aggressiva ce lo stava portando via. Nostro papà, uomo forte e sempre combattente a soli 56 anni si è trovato di fronte ad un nemico invincibile e noi familiari, purtroppo, inermi davanti a tanto dolore. Proprio per questo oggi vogliamo ringraziare pubblicamente e dal più profondo del nostro cuore tutti coloro che ci hanno accompagnato in questo periodo bruttissimo della nostra vita”.

Simbolo di speranza e umanità

“Ringrazio – continua la nota – la dottoressa Caterina De Filippo che costantemente si è interessata alla nostra vicenda. Un grazie particolare va a tutto il personale del reparto (medici, paramedici, ecc) di “oncologia medica” che ha accompagnato il nostro papà in questo ultimo viaggio cosi difficoltoso. Non potremo mai ringraziarli abbastanza. Vogliamo ringraziare, soprattutto, il professor Tagliaferri, la dottoressa Fiorillo e il dottor D’Aquino per la loro immensa disponibilità e umanità dimostrate sia nei confronti di nostro padre che verso di noi. Tutto il personale si è sostituito a noi familiari per far sì che il nostro papà potesse spegnersi nel conforto che, a causa del Covid, non abbiamo potuto offrigli noi come famiglia. Ci sembrava pertanto doveroso – si conclude la lettera – fare arrivare a loro ma anche a tutti quelli che leggeranno questi ringraziamenti il simbolo di speranza che ci hanno trasmesso. Con grande affetto la Famiglia Fazio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Riace, a 11 anni di distanza il 6 agosto sarà di nuovo “operazione murales”

mario meliadò

Statale19 nel Catanzarese, Pitaro: “Rispristinare viabilità e sicurezza”

Damiana Riverso

Chiaravalle, l’ospedale non scoppia di salute…e quelle code al Cup: un grave disagio

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content