Calabria7

“La partita del riscatto”, vincono i ragazzi dell’Istituto penitenziario di Catanzaro

È la squadra dei ragazzi maggiorenni dell’Istituto penitenziario di Catanzaro a vincere il quadrangolare di calcio a cinque, giocato ieri all’interno del centro di giustizia minorile. Seconda classificata la squadra composta dal personale del Gruppo Citrigno, terzi gli imprenditori di Unindustria Calabria e quarti i ragazzi minorenni dell’istituto.

  “La partita del riscatto” è stata organizzata in occasione della conclusione del primo anno del protocollo d’intesa istituito tra le parti, per offrire la possibilità di svolgere tirocini formativi ai ragazzi dell’Istituto penitenziario. «Oggi siamo orgogliosi – ha dichiarato Alfredo Citrigno presidente del Gruppo, durante la premiazione – perché è una scommessa vinta. È passato un anno dalla firma del protocollo e il percorso avviato con i ragazzi sta dando grandi risultati, anche oltre le aspettative. Il messaggio che diamo oggi, coinvolgendo anche gli imprenditori aderenti a Unindustria, è che le aziende del territorio devono aprire le porte a questi ragazzi, perché è fondamentale che questi ragazzi non perdano la speranza». «L’aspetto più importante per questi ragazzi – ha spiegato Isabella Mastropasqua referente del ministero dipartimento Giustizia minorile – è non farli sentire distanti, ma parte della comunità, nella quale devono rientrare come cittadini responsabili che hanno compreso e pagato per i propri errori». «Siamo aperti a tutte le valide iniziative come questa – ha commentato Francesco Pellegrino direttore dell’Istituto penitenziario – per sensibilizzare il territorio a sostenerci e costruire i percorsi di recupero dei ragazzi. L’attività di oggi ne è fulgido esempio e aiuta i ragazzi a superare il triste marchio che si portano dietro, e diventare uomini migliori».

«Noi abbiamo il dovere di dare a questi ragazzi una seconda possibilità. Hanno pagato il loro debito con la società, ora bisogna che non ripetano gli stessi errori» ha dichiarato Massimo Planca. Concetto rafforzato anche dalle parole del mister Ranieri, secondo il quale, «tutti possiamo sbagliare, ma è fondamentale sapersi riproporre in una nuova vita e un nuovo contesto. Quello che stanno facendo Unindustria e il gruppo Citrigno – ha poi aggiunto – Caludio Ranieri – è qualcosa di speciale che non può che avere il mio plauso e sostegno». «Quella di oggi è una gratificante esperienza dalla quale parte con forza un messaggio di fiducia nei confronti di questi ragazzi» ha detto Dario Lamanna direttore di Confindustria Catanzaro.

 Alla premiazione, presentata da Domenico Gareri, era presente, tra gli altri, Rocco Aversa imprenditore. Il torneo è stato ripreso dalle telecamere della Life Comunication. Ai ragazzi che hanno partecipato al torneo è stata consegnata una targa ricordo.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, in Calabria oltre 30 casi positivi

manfredi

Anas: Catanzaro, proseguono lavori illuminazione gallerie della 106

Matteo Brancati

Catanzaro, colpo a centrocampo: ufficiale l’arrivo di Daniele Altobelli

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content