Calabria7

“La pineta di Siano distrutta dal fuoco è una sconfitta per tutti i catanzaresi”

di Fabio Celia*

Sono nato a Piterà, uno dei quartieri più belli di Catanzaro situato a pochi chilometri dalla pineta di Siano sfigurata dagli incendi dei giorni scorsi. E lì ho trascorso un’infanzia serena, circondato dall’affetto dei miei cari e degli amici. Quel posto rappresenta quindi per me un tesoro che custodisco gelosamente nel cuore. Uno scrigno di ricordi, purtroppo andato in fumo insieme a centinaia di alberi e superficie verde che costituivano il polmone della città. Mi chiedo allora che ne sarà dei momenti di gioia e festa impressa indelebilmente nella mia mente e nella testa di altre migliaia di donne e uomini come il sottoscritto. Ragazze e ragazzi degli anni Ottanta e Novanta, magari. Che consideravano la pineta un luogo di socializzazione, incontro, gioco, relax all’aria aperta e pura e così via. Ecco, tutto questo in larga parte non esiste più. Cancellato, resettato dalla mano omicida, sì omicida, di pochi pazzi e delinquenti piromani, che hanno commesso uno dei crimini più abbietti e barbari esistenti, ma anche dall’insipienza di chi malfattore non è ma ha lo stesso delle precise responsabilità. Figure istituzionali investite del mandato popolare per tutelare la comunità e quindi anche il suo patrimonio naturale e paesaggistico. Un bene di inestimabile valore. Attenzione, però, io non sono un qualunquista. Non attacco la politica di destra e sinistra come uno dei tanti implacabili sciacalli che approfittano pure delle tragedie piu occasionali per mettersi in mostra. Nossignori. Io non sono così. E se oggi la “casa” della nostra infanzia e giovinezza è sfigurata, la colpa è di tutti. Nessuno escluso. Mi riferisco anche ai catanzaresi, quindi. E a me stesso, così come a loro, dico: la meravigliosa pineta di Siano è l’emblema di una sconfitta collettiva. E già, perché in questa drammatica e infuocata metà di agosto abbiamo perso tutti. La fotografia che ne esce è infatti impietosa. Ci mette di fronte alle nostre ataviche mancanze. Quali? Semplice: l’incapacità e la miopia di considerare Catanzaro una “cosa” unica. Un regalo per tutti, malgrado i suoi fisiologici difetti e punti deboli. Che non privano però il territorio di una bellezza incantevole tra mare e montagna. Roba da restare a bocca aperta dinanzi a cotanta bellezza. Che va da Sant’Elia a Lido, senza distinzioni di sorta. Ma noi continuiamo stoltamente a praticare una cosiddetta forma di esterofilia. Ad amare le poche cose buone altrui in ossequio al vecchio adagio che l’erba del vicino è sempre più verde. Io, tuttavia, non demordo e spero sempre, perché alla critica e al lamento, ahimè tipico della calabresità, antepongo la speranza e formulo pertanto il più fervido augurio che ritorni, o meglio insorga, in tutti noi l’amore per il nostro meraviglioso capoluogo, a prescindere dunque da altri ragionamenti su un fallimento collettivo e indistinto dal colore politico e dal ceto sociale ed economico di ognuno di noi. Fattori che nella fattispecie incidono poco o nulla.

*imprenditore

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Un bagno al mare in autunno, in Calabria è tempo da spiaggia

manfredi

Mobbing al Pronto soccorso di Catanzaro, Codacons presenta esposto in Procura

bruno mirante

La scuola in carcere ai tempi del Covid, l’esperienza del Caridi di Catanzaro

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content