La protesta degli agricoltori calabresi non si ferma: “Avanti fino a quando non avremo tutele”

I presidi rimarranno attivi. "Aspettiamo le dovute risposte da Governo e Parlamento europeo"
agricoltori

È iniziata ormai da diverse settimane la protesta degli agricoltori che, con i loro trattori, hanno invaso tutta l’Italia. Una manifestazione volta a rompere il silenzio attorno a una situazione, quella che riguarda ormai da tempo l’intera filiera agricola, soggetta al continuo aumento dei costi e alla completa mancanza di tutele. Così, la richiesta di attenzioni alla classe politica che dovrebbe riconoscere il comparto come strategico e garantirgli il giusto sostegno. 

Se qualcosa, a tal proposito, in Regione sembra stia iniziando a muoversi, non è ancora del tutto contento Matteo Talarico, presidente calabrese del Movimento Territorio e Agricoltura, che nonostante qualche piccolo passo in avanti, è determinato – così come i numerosissimi agricoltori in protesta – a continuare questa manifestazione: “Il nostro Movimento cerca di rappresentare tutti gli agricoltori, calabresi e non solo, che sono scontenti dell’operato delle associazioni di categoria – ha spiegato – perché non si sentono rappresentati da queste, in quanto reputano che finora abbiano agito esclusivamente per i propri interessi, senza mai tenere conto di quelle che sono le istanze degli agricoltori”.

Se qualcosa, a tal proposito, in Regione sembra stia iniziando a muoversi, non è ancora del tutto contento Matteo Talarico, presidente calabrese del Movimento Territorio e Agricoltura, che nonostante qualche piccolo passo in avanti, è determinato – così come i numerosissimi agricoltori in protesta – a continuare questa manifestazione: “Il nostro Movimento cerca di rappresentare tutti gli agricoltori, calabresi e non solo, che sono scontenti dell’operato delle associazioni di categoria – ha spiegato – perché non si sentono rappresentati da queste, in quanto reputano che finora abbiano agito esclusivamente per i propri interessi, senza mai tenere conto di quelle che sono le istanze degli agricoltori”.

L’incontro in Regione

“A seguito di tutta una serie di manifestazioni che abbiamo organizzato in Calabria – aggiunge Talarico – siamo stati accolti negli scorsi giorni alla Cittadella regionale dall’assessore all’Agricoltura Gianluca Gallo e dal direttore del Dipartimento Agricoltura Giacomo Giovinazzo, e abbiamo esposto le nostre richieste. Martedì scorso finalmente siamo riusciti a ottenere dei piccoli risultati: ad esempio, per quanto riguarda gli ungulati, cioè i cinghiali, la caccia ai selettori è stata estesa a tutto l’anno, mentre per quello che riguarda il consorzio di bonifica, abbiamo ottenuto una moratoria sulle cartelle esattoriali. Siamo soddisfatti dell’apertura da parte della Regione Calabria nei nostri confronti. I presidi rimarranno comunque attivi in quanto, nonostante questi piccoli risultati a livello regionale, tutti gli agricoltori attendono risposte dagli Enti di competenza, quali il Governo e il Parlamento europeo”, conclude.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tre presidi nelle province di Reggio, Crosia e Torre Melissa per richiamare l'attenzione sulla sicurezza su quella che viene definita la "strada della morte"
Nel corso dell’Assemblea nazionale dei delegati di Legambiente, sono state rinnovate le cariche dei responsabili di settore ed eletta la segreteria nazionale
L'uomo, tramite l’utilizzo di un bypass, avrebbe fornito l’energia elettrica alla struttura di sua proprietà, sottraendola indebitamente al fornitore
"Ci chiediamo cosa ne pensi il governo, e se non intenda intervenire per evitare nuovi record dei listini alla pompa"
L'uomo, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato nella propria abitazione, dove rimarrà ristretto in esecuzione della misura cautelare ai domiciliari
Il responsabile regionale Calabria e membro della direzione nazionale dell'Udc interviene in merito ai bombardamenti su Beirut di questa notte
Lo rendono noto Pinuccia Cosmano (Filcams Cgil), Antonio Bruno (Fisascat Cisl) e Saverio Scarpino (Uil Tucs).
Smantellata un'organizzazione a delinquere composta da persone indagate per numerose ipotesi di reato
In un caso era stato installato un bypass al fine di evitare il passaggio dal contatore
Il destinatario della misura è stato condannato per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell'inchiesta “Infinito”
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved