La qualità dell’aria in Calabria è buona, il report dell’Arpacal

Lo attesta l'agenzia regionale per l'ambiente. I dati sono consultabili sul portale istituzionale dell’agenzia
La Notte Bianca della Biodiversità

 La qualità dell’aria in Calabria è buona. Lo attesta l’Arpacal, l’agenzia regionale per l’ambiente. I dati sono consultabili sul sito web istituzionale dell’agenzia. Il report annuale è riferito al 2020. Si tratta di due rapporti, inviati alla Regione Calabria, e di una relazione esplicativa a cura del gruppo di lavoro che cura in Arpacal, per conto della Regione, tutte le attività riconducibili alla gestione della Rete regionale per la qualità dell’aria.

“Dai dati acquisiti e validati – riferiscono i tecnici dell’Arpacal – in Calabria la qualità dell’aria gode di buona salute. Nel 2020, in tutte le stazioni di monitoraggio gestite da Arpacal, i dati sugli inquinanti rilasciati in atmosfera non hanno superato i limiti previsti dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Con riguardo all’andamento dell’ozono – uno dei parametri monitorati dalla rete regionale – alcuni parametri ne influenzano l’accumulo in modo tale da presentare il superamento dell’obiettivo a lungo termine, nel periodo tardo primaverile-estivo”.

“Dai dati acquisiti e validati – riferiscono i tecnici dell’Arpacal – in Calabria la qualità dell’aria gode di buona salute. Nel 2020, in tutte le stazioni di monitoraggio gestite da Arpacal, i dati sugli inquinanti rilasciati in atmosfera non hanno superato i limiti previsti dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Con riguardo all’andamento dell’ozono – uno dei parametri monitorati dalla rete regionale – alcuni parametri ne influenzano l’accumulo in modo tale da presentare il superamento dell’obiettivo a lungo termine, nel periodo tardo primaverile-estivo”.

La stazione di Mammola

Ad attestare questa tendenza – si sottolinea – “è la stazione di monitoraggio di Mammola, in provincia di Reggio Calabria, che nel Piano di valutazione regionale riveste un particolare ruolo di sentinella della qualità dell’aria in Calabria. Nessun superamento delle emissioni di ozono per quanto riguarda, invece, i limiti previsti per la soglia di informazione e la soglia di allarme: l’andamento dell’inquinante su base temporale giornaliera garantisce, anche nei picchi orari più sensibili, i parametri stabiliti dalla legge per la protezione della salute umana.

Anche nel 2020, come per il 2019, in Calabria, così come nelle altre regioni, è stata registrata una significativa diminuzione della concentrazione  media degli inquinanti – sia quelli principali rilevati dalla rete regionale di monitoraggio che quelli secondari riscontrabili attraverso le analisi di laboratorio- in corrispondenza del periodo di lockdown. “Attraverso le agenzie ambientali, le istituzioni di ricerca, incluse quelle del settore sanitario – ha affermato il direttore generale dell’Arpacal, Domenico Pappaterra – si possono individuare, sotto l’egida dell’Ispra, le migliori strategie anche per mitigare gli effetti del clima sulla qualità dell’aria”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'associazione degli industriali vibonesi ritiene legittima la scelta del "re del Tonno" di non iscrivere la squadra di volley al campionato
Saranno finanziati nuovi impianti di mandorlo, castagno, pistacchio, noce e nocciolo, promuovendo l’ammodernamento dei sistemi di irrigazione
Il presidente della Regione ad Agorà: "Ecco cosa sto facendo per evitare che in Calabria si verifichi ciò che è accaduto in Emilia Romagna"
Parlano i legali della dottoressa Giovanna Malara: "E' venuta meno l'incerta e precaria 'base' del licenziamento senza preavviso"
I Baschi Verdi, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Crotone, hanno effettuato due distinti interventi
Le dichiarazioni del neo pentito Megna: "Ho saputo che a sparare a Giovanni Rizzo e a zia Romana sono stati Peppe e suo padre Pantaleone"
L’uomo è stato stroncato da un infarto. Inutile la corsa in macchina con il fratello verso l’Ospedale più vicino al suo paese
Dai cinghiali ai lupi, nuova emergenza per le aziende agricole del territorio. La denuncia degli allevatori: "Nessuno ci risarcisce"
"In Calabria, ultima per PIL pro capite e con i redditi tra i più bassi del Paese, a farla da padrone è il lavoro nero/grigio nel privato"
Palmi ha completato l’installazione della segnaletica per il rischio tsunami lungo la costa ed installato un sistema di allertamento sonoro
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved