Calabria7

La quarantena Covid non è più ‘malattia’, salta la copertura dell’Inps

coronavirus sanitari

Se si entra in contatto con una persona affetta positiva al Coronavirus scatta la quarantena obbligatoria, che dura 7 giorni per chi si è vaccinato e 10 per chi invece non lo è. Non sempre è possibile ricorrere allo smart working ma l’anno scorso questo tipo di assenza era considerato come malattia, quindi coperto dall’Inps. Quest’anno le cose sono cambiate.

Il 6 agosto scorso l’Inps ha diramato una circolare tesa a specificare che il Governo non ha finanziato il fondo per coprire i casi di malattia legata alla quarantena Covid disponendo di conseguenza per il periodo gennaio-giugno2021 il recupero da parte dell’ente delle somme legate agli eventi di malattia classificati come quarantena Covid per il periodo succitato. I lavoratori e/o le aziende dovranno di conseguenza restituire in termini economici una parte della retribuzione ed il ricalcolo della contribuzione legata al periodo di malattia”. Lo scrive in una nota stampa Pierpaolo Pisano, Segretario regionale Ugl Telecomunicazioni.

“Un fatto grave e incomprensibile sotto diversi punti di vista”

“Il primo – continua – fa riferimento al fatto che tale disposizione non è coerente rispetto al fatto che l’attuale governo ha protratto lo stato di emergenza fino a dicembre 2021. Come si fa a sostenere che lo stato d’emergenza covid-19 durerà fino a dicembre e nel contempo non finanziare casi di malattia strettamente legati alla quarantena che è strumento di prevenzione contro la diffusione del virus? La circolare Inps del 6 agosto, infatti, è un provvedimento che ha efficacia retroattiva. In termini pratici ad agosto lavoratori e aziende apprendono a posteriori come verrà normaato il semestre che parte da gennaio e finisce a giugno.

La quarantena non è una scelta dei lavoratori o delle aziende pertanto occorre che lo Stato chiarisca se confermare l’eventuale obbligatorietà della quarantena. Diversamente è inevitabile pensare che ancora scelte politiche schizofreniche ricadano impropriamente sui lavoratori e sulle aziende creando una perdita di salario importante in un periodo economicamente tutt’altro che semplice. Per tali ragioni – conclude Pisano – la nostra Organizzazione a livello nazionale sollecita il Governo a prevedere le coperture finanziarie per le assenze legate alla quarantena Covid per l’intero 2021“.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, la commissione europea propone 81 miliardi di euro agli Stati. La quota più alta all’Italia

Damiana Riverso

Vaccini anti-Covid, somministrazione a dipendenti “AZ” sul luogo di lavoro

Mirko

Registro per fermare il ‘telemarketing’ esteso ai cellulari

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content