La Reggina vince il derby di Calabria: Cosenza battuto e momentaneo primo posto in classifica

Gli amaranto salgono a quota 22 punti in coabitazione con il Pisa. Decisiva la splendida rete di Montalto nella ripresa
reggina-cosenza

di Antonio Battaglia – Sognare non costa nulla. E, almeno per questa notte, in riva allo Stretto ci si potrà divertire. La Reggina sbanca il “Marulla” e si aggiudica il derby di Calabria contro il Cosenza di Zaffaroni, portandosi momentaneamente in testa alla classifica a quota 22 punti in coabitazione con il Pisa. 0-1 il risultato finale di un match complessivamente equilibrato, deciso dalla maggiore qualità tecnica del roster di Aglietti. Nella prima frazione gli ospiti gestiscono il possesso palla, ma faticano a pungere la retroguardia di un Cosenza che crea davvero troppo poco in avanti. I padroni di casa reagiscono nei minuti iniziali della ripresa per poi essere bruscamente interrotti dalla splendida rete di Montalto. I tentativi di riportare il match sono realmente troppo sterili e la Reggina (che in qualche occasione ha anche sfiorato il raddoppio) torna a casa con tre punti pesantissimi per morale e classifica.

Primo tempo 

Primo tempo 

Nei primi minuti le due squadre si studiano a vicenda: il Cosenza mantiene il possesso palla e costringe la Reggina nella sua metà campo, ma col passare dei minuti gli amaranto prendono coraggio e costruiscono qualche trama offensiva. Il primo squillo lo crea al minuto 11 Situm con un cross sul secondo palo all’indirizzo di Corsi, il cui colpo di testa finisce fuori da due passi. La reazione degli uomini di Aglietti arriva un paio di minuti dopo: Di Chiara mette in mezzo un pallone interessante dalla trequarti, sul quale si avventa di testa Montalto che manda fuori di poco. La Reggina prende campo e al 18’ crea un altro brivido alla difesa avversaria con una schiacciata di testa da parte di Cionek che chiama Vigorito a una parata straordinaria. Dopo un avvio promettente da parte del Cosenza, la squadra di Aglietti gestisce con calma il possesso palla e detta i ritmi del derby. Nonostante ciò, la Reggina fatica a rendersi pericolosa dalle parti di Vigorito, mentre il Cosenza sembra piuttosto timido e non riesce a costruire azioni significative.

Secondo tempo

Per gli ospiti la ripresa inizia con un brivido: calcio d’angolo tagliato verso il secondo palo, colpo di testa di Rigione che termina alto sopra la traversa. Il copione della gara, però, non cambia: la Reggina continua ad attaccare creando però pochi pericoli, mentre il Cosenza si limita a difendere per poi ripartire in contropiede. Al 55’, la Reggina sblocca il match: Bianchi serve al limite dell’area di rigore Montalto che, spostatosi il pallone sul sinistro, scaglia una conclusione violenta su cui Vigorito non può far nulla. Il Cosenza, nonostante lo svantaggio, fatica a creare gioco e lascia il fianco per le ripartenze della Reggina. Al 75′ la squadra amaranto squilla due volte verso la porta di Vigorito: prima Bellomo incrocia il destro in area di rigore e trova la grande risposta dell’estremo difensore del Cosenza, mentre in seguito Crisetig trova l’inserimento di Di Chiara che manda fuori da ottima posizione. Dopo momenti in apnea difensiva il Cosenza si riaffaccia in avanti con un sinistro di Millico che viene deviato in calcio d’angolo. Al minuto 82, la Reggina sfiora nuovamente il raddoppio con Cortinovis, che prova il piattone col destro non centrando lo specchio per pochi centimetri. Nel finale i rossoblù provano disperatamente ad affacciarsi in avanti, senza però riuscire a scardinare l’attenta retroguardia amaranto.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il capo della Polizia ha partecipato all'inaugurazione di un murale dedicato alla figura dell'alto funzionario Angelo De Fiore, originario di Rota Greca, in provincia di Cosenza
l'analisi
Il sindaco uscente a C7: "Non sono io che devo parlare ma altri che devono esprimersi sulla mia ricandidatura"
Era impegnato nella messa in opera di un impianto idrico quando sarebbe stato travolto e schiacciato dal materiale accumulato sul bordo dello scavo
Ospite d'eccezione Alfredo D’Attorre della segreteria nazionale del Partito democratico, che ha ripercorso la vita di Puccio con episodi vissuti, evidenziando le sue "grandi qualità umane e politiche"
"Ammiro l'esempio di questi sacerdoti - che rappresentano l'Italia migliore - contro l'iniqua logica di sopraffazione e di violenza della criminalità organizzata"
Tutte e tre le auto erano parcheggiate in Via 4 Novembre, zona densamente abitata posta nella zona nord della città
batticuore
Medicine e attrezzi medico-sanitari dell'ospedale utilizzati per fini personali e per interventi in studi privati
Una risorsa fondamentale per i ricercatori, che favorisce l'identificazione di nuove molecole suscettibili di interventi terapeutici più efficaci
La presunta ''spedizione punitiva' sarebbe scattata dopo che il giovane aveva inscenato una protesta, dando fuoco in cella ad alcuni fogli di giornale
Premiato come unico italiano dall’American College of Surgeons di Boston, è ordinario di chirurgia all’Università degli Studi di Milano
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved