Calabria7

La studiosa di fitoalimurgia Chiara Fadin in visita alle Valli Cupe

«Avete un’aria e un’acqua straordinarie, beni dal valore incommensurabile e una ricchezza di biodiversità davvero invidiabile. Presto tornerò a studiare molte delle vostre erbe». Ha fatto visita alla Riserva Naturale Valli Cupe Chiara Fadin, studiosa di fitoalimurgia (l’uso delle specie vegetali soprattutto erbe spontanee) a scopo alimentare e conoscitrice della flora pugliese che ha approfondito per ben tre anni. A Sersale è arrivata da Verona con il suo furgoncino Wolkswagen (diretta in Sicilia) per conoscere due degli autori del pregevole volume “Etnobotanica in Calabria” (Rubbettino editore): l’etnobotanico Carmine Lupia e il prof. Raffaele Lupia, esperto di scienze agrarie e di gestione sostenibile del territorio. Il direttore della Riserva l’ha ringraziata per la visita: «Ci unisce l’amore per la natura e in particolare per le piante. Chi le ama le protegge, ma per evitare che ad amarle e proteggerle siano pochi, occorre potenziare l’educazione ambientale». Sull’urgenza di individuare e salvaguardare l’enorme potenziale genetico delle specie spontanee, considerando che la selezione artificiale mira a premiare poche cultivar in ossequio ai desiderata del mercato, si è soffermato il prof. Lupia che ha anticipato una delle iniziative a cui si sta dedicando la Cooperativa sociale “Raga”: la produzione di erbe autoctone di concerto con un imprenditore interessato alla loro promozione e commercializzazione.

Redazione Calabria7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, il 25 gennaio manifestazione per dire no al 5G

Matteo Brancati

Regionali, Salvini torna in Calabria per chiudere la campagna elettorale

Matteo Brancati

Donna discriminata perché madre, il tribunale di Catanzaro condanna una multinazionale

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content