La Vibonese interrompe la striscia positiva: passa il Potenza al fotofinish

di Antonio Battaglia – E’ un mal di trasferta quasi incurabile, unico neo di una stagione sin qui sorprendente. Il “Viviani” si conferma fortino praticamente inespugnabile e condanna ai titoli di coda una bella Vibonese.

Anche quest’oggi, i rossoblu non hanno lasciato nulla di intentato al caso: intensità, sacrificio e solidità ineccepibili, non sufficienti però a conquistare quello che sarebbe stato un pari meritatissimo. Quando tutto sembrava essere indirizzato all’ennesimo risultato utile, ecco il gol che non ti aspetti. In attesa di Catanzaro-Catania, la squadra di Modica rimane ferma al decimo posto: per mantenere il treno playoff, però, servirà dare una immediata sterzata al trend esterno.

Anche quest’oggi, i rossoblu non hanno lasciato nulla di intentato al caso: intensità, sacrificio e solidità ineccepibili, non sufficienti però a conquistare quello che sarebbe stato un pari meritatissimo. Quando tutto sembrava essere indirizzato all’ennesimo risultato utile, ecco il gol che non ti aspetti. In attesa di Catanzaro-Catania, la squadra di Modica rimane ferma al decimo posto: per mantenere il treno playoff, però, servirà dare una immediata sterzata al trend esterno.

Partita incandescente sin dall’inizio, con le due squadre che si studiano a vicenda. La prima mezzora, ad onor del vero, è a quasi totale appannaggio del Potenza, che già all’11’ sfiora la rete: Murano avanza sull’out di destra e mette in mezzo per Longo, che prova la girata concludendo però a lato. Gli ospiti tengono bene la difesa, ma mai riescono ad affacciarsi dalle parti di Ioime.

Il brivido più grande lo crea al minuto 44 Isgrò, che supera con un colpo di testa Greco costringendo Altobello al miracolo sulla linea di porta. Nella ripresa si registra una partita apertissima e allo stesso tempo nervosa, con tanti falli e anche diversi cartellini gialli. Il Potenza, dalla sua, continua a manovrare bene il pallone senza però trovare gli spazi giusti per affondare.

La Vibonese è rinvigorita dagli azzeccati cambi di Modica, ma al 65′ rischia di subire lo svantaggio: Murano entra in area di rigore, prova ad anticipare Greco con la punta del piede ma non riesce a centrare lo specchio. Bubas impensierisce talvolta gli avversari, ma spesso si tratta di situazioni sterili. Il Potenza dimostra di avere più consapevolezza e all’83’ sfiora ancora una volta l’1-0: Ferri Marini si inserisce in area e colpisce di testa da posizione ravvicinata, trovando però un autentico miracolo di Greco che respinge in angolo.

La sciocchezza, fatale per il match degli ipponici, la compie Bubas all’83’ con un fallo a metà campo che gli costa l’espulsione. Gli ospiti accusano l’inferiorità numerica e, quando ormai il match sembrava essere indirizzato sui binari del pari, França regala i tre punti ai suoi con un bel colpo di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione. E’ il minuto 90, non c’è più niente da fare: la Vibonese rimedia una brutta sconfitta e conferma il negativo trend esterno.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il medico personale ha acconsentito al ricovero e Bergoglio è stato già sottoposto a una tac toracica che avrebbe dato esito negativo
“Qui non si tratta di tecnicismi” ma del “tentativo della maggioranza di ribaltare le regole del voto” modificando “l’esito delle elezioni”
Il 'quinto uomo' è accusato di concorso anomalo nel tentato omicidio del 21enne di Bologna ridotto in coma irreversibile dopo un pestaggio
"Le mafie non fanno più uso di violenza ma trovano accordi anche con parte della pubblica amministrazione che si fa corrompere"
Mimmo Bevacqua: "Occhiuto fa bene a replicare al sindaco di Milano sui fondi europei non spesi da reindirizzare al Nord"
Sant’Anna Hospital comunica di aver provveduto al pagamento dei dipendenti con accredito delle mensilità fino a dicembre 2022
L'uomo pare non fosse nuovo a reati simili: difatti, si era già reso responsabile di medesime condotte in altri territori
"Un eroe sociale" se si considera che in Calabria per fare impresa bisogna lavorare il doppio rispetto alle altre regioni di Italia
Produzione cinematografica ospitata dalla cittadella fortificata bizantina affacciata con le sue otto torri sullo jonio ed il borgo marinaro
"Il nuovo codice degli appalti voluto da Salvini riporta il Paese indietro di 30 anni. Il subappalto a catena verrà scaricato sui lavoratori"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved