La Vibonese raccoglie un punticino amaro nel pantano del “Razza”

di Antonio Battaglia – A vedere il bicchiere mezzo pieno, quello raccolto quest’oggi dalla Vibonese è un pareggio che muove la classifica. Ma quanta amarezza per i ragazzi di Facciolo.

Quando tutto sembrava andare verso un’altra importante vittoria, ecco la mazzata nel finale ad opera di una Paganese certamente più gagliarda nella seconda frazione. Grande il rammarico soprattutto per le pessime condizioni del terreno, che non hanno permesso ai giocatori ipponici di esprimere al meglio il loro repertorio tecnico.

Quando tutto sembrava andare verso un’altra importante vittoria, ecco la mazzata nel finale ad opera di una Paganese certamente più gagliarda nella seconda frazione. Grande il rammarico soprattutto per le pessime condizioni del terreno, che non hanno permesso ai giocatori ipponici di esprimere al meglio il loro repertorio tecnico.

Andiamo alla cronaca. Poche le emozioni in un primo tempo fortemente condizionato dal maltempo: la pioggia copiosa rende il terreno ai limiti della praticabilità complicando e non poco le trame di gioco delle due formazioni. Il primo squillo arriva all’11’: Diop gioca un buon pallone sulla trequarti e va al tiro, con il pallone che esce di poco a lato.

I giocatori preferiscono talvolta i lanci lunghi, ma raramente riescono ad impostare la manovra con precisione. Al 29′, un cross di Tito scorre pericolosamente per tutta l’area senza essere intercettato da nessun attaccante rossoblu. A mezzora inoltrata, sono sempre gli ospiti a creare brividi: al 34′ Redolfi ha una clamorosa chance da pochi passi, ma il suo colpo di testa finisce a lato, mentre qualche secondo dopo Bernardotto raccoglie un suggerimento di Battista e conclude di poco a lato.

La squadra ipponica spinge e cinque minuti dopo va ancora vicina al gol: Bubas raccoglie un pallone sfiorato da Bernardotto, controlla il pallone e poi tenta la conclusione, trovando però un miracoloso intervento in scivolata di Sbampato.

Nella ripresa, la Paganese scende in campo con il giusto piglio e manovra il pallone alla ricerca del gol. Ma, al 64′, è della Vibonese l’occasione migliore: Bernardotto avanza per vie centrali e allarga sull’out di sinistra per Battista, pallone all’indirizzo di Tumbarello che conclude di prima intenzione trovando tuttavia la pronta risposta di Baiocco.

Ad eccezione di questo lampo, la partita si assesta su ritmi pressoché soporiferi e per nulla incoraggianti. Modica prova a scuotere i suoi con un triplo cambio che sortisce subito gli effetti sperati: al 75′ l’arbitro ravvisa un fallo di Stendardo su Berardi e assegna il penalty, poi realizzato perfettamente da Tito.

Gli ipponici gestiscono il vantaggio e hanno anzi l’occasione di raddoppiare qualche minuto dopo con Berardi, ma all’85’ ecco la doccia gelida: Diop serve Scarpa, che approfitta di un errore di Ciotti e trafigge Mengoni con un tiro sul secondo palo. Inutile il disperato forcing finale dei rossoblu.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Le sue condizioni sono apparse da subito gravissime per una probabile embolia polmonare. Ricoverata nel reparto di rianimazione, la donna è morta nel pomeriggio
L'ex portavoce di Conte attaccato da Augusto Proietti sui social per "aver fatto multare due metri quadri di banco"
Solo un punto, invece, per le altre calabresi presenti nel girone
L'auto con a bordo la famiglia ha sbandato andando a sbattere violentemente contro le protezioni autostradali
C'è voluta una ruspa per poterlo spostare. La carcassa è stata portata via da una maxi squadra
Serie B
Tre punti pesantissimi per le Aquile, che volano a 48 punti ipotecando di fatto i playoff
Non c'è ancora un bollettino medico ufficiale, ma la prima diagnosi sarebbe questa
Dietro l'operazione di spionaggio ci sarebbe Pasquale Striano, luogotenente della Guardia di Finanza
Figlio di Pantaleone Mancuso, alias "L'ingegnere", il collaboratore di giustizia si sfoga ai microfoni di TV7: "Nessuno ti aiuta. Sono da solo con la mia bambina. Mi fanno pagare tutto"
Dopo gli attacchi rivolti alla magistratura, dure replica dell'Associazione nazionale Magistrati: "Convinta e piena solidarietà ai colleghi"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved