L’allarme di Coldiretti Calabria: stagione agrumicola senza manodopera

“La stagione agrumicola è ai nastri di partenza ma – denuncia la Coldiretti Calabria – l’incognita è la manodopera sia straniera che italiana che manca”. Il presidente di Coldiretti Calabria Aceto aggiunge: “per gli agricoltori, al danno si aggiunge la beffa di essere costretti a lasciare i frutti nei campi per la mancanza di manodopera in una stagione agrumicola che peraltro si annuncia per qualità e quantità su buoni livelli tendenti all’ottimo. Vi è – prosegue – un calo delle posizioni lavorative in agricoltura che dipende dai vincoli causa Covid-19, posti alle frontiere ai braccianti dall’estero che ogni anno arrivano per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese. Nonostante il lockdown, -nelle campagne il lavoro non si è mai fermato ma – sottolinea– a pesare sui raccolti è appunto il mancato arrivo di braccianti che non è stato accompagnato da misure per favorire l’accesso al lavoro degli italiani come l’introduzione di voucher semplificati per consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti lavoratori sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà”.

“Anche il reddito di cittadinanza così come è congegnato non permette ai percettori di svolgere un lavoro,anzi, coloro che ne usufruiscono,preferiscono mantenere questa situazione. Non possiamo permetterci di perdere le grandi opportunità di lavoro che vengono da uno dei settori più dinamici dell’economia – ribadisce Aceto – poiché, con la carenza di manodopera, il rischio è che ci possa essere sui banchi dei mercati una ridotta disponibilità dei nostri agrumi con una perdita di competitività e quote di mercato e un deciso aumento delle importazioni dall’estero da spacciare come made in Italy. Occorre che su questi aspetti ci sia una attenzione della politica regionale e soprattutto dei parlamentari nazionali – conclude – per mettere a punto provvedimenti e strumenti per il settore agili e flessibili, che taglino burocrazia e vincoli e, rispondano soprattutto ad un criterio di tempestiva disponibilità al lavoro e dall’altra generino una preziosa opportunità di integrazione al reddito considerato il periodo di crisi.”

“Anche il reddito di cittadinanza così come è congegnato non permette ai percettori di svolgere un lavoro,anzi, coloro che ne usufruiscono,preferiscono mantenere questa situazione. Non possiamo permetterci di perdere le grandi opportunità di lavoro che vengono da uno dei settori più dinamici dell’economia – ribadisce Aceto – poiché, con la carenza di manodopera, il rischio è che ci possa essere sui banchi dei mercati una ridotta disponibilità dei nostri agrumi con una perdita di competitività e quote di mercato e un deciso aumento delle importazioni dall’estero da spacciare come made in Italy. Occorre che su questi aspetti ci sia una attenzione della politica regionale e soprattutto dei parlamentari nazionali – conclude – per mettere a punto provvedimenti e strumenti per il settore agili e flessibili, che taglino burocrazia e vincoli e, rispondano soprattutto ad un criterio di tempestiva disponibilità al lavoro e dall’altra generino una preziosa opportunità di integrazione al reddito considerato il periodo di crisi.”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'Intervista
L’azione sempre più incisiva della prefettura per impedire ai clan di infiltrarsi nel tessuto economico. Boom di interdittive antimafia: 18 nell’ultimo anno
Il rogo in contrada Scordovillo ha interessato cataste di rifiuti di vario genere (materiale plastico, gomme, carcasse di elettrodomestici, bottiglie di gpl etc.)
Accolta dai giudici la perizia sulla parasonnia: al momento dei fatti l'uomo non era del tutto cosciente
La pronipote è stata posta ai domiciliari, con l'uso del braccialetto elettronico, ed è accusata di circonvenzione di incapace e omicidio aggravato
Il professionista replica alle accuse e tira dritto: "E' falso, presenterò 200 firme di miei pazienti che confermano la mia competenza"
Da venerdì della scorsa settimana il guasto ha causato diversi disagi e nonostante i solleciti dell’Aned non è stato ancora riparato
Pubbliredazionale
Il pizzaiolo di “Mordì” nel quartiere Pontepiccolo a Catanzaro ha fatto incetta di premi nella prestigiosa competizione
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved