L’allarme del pentito Bonaventura: “La Riforma della Giustizia? Distrugge la normativa antimafia di Falcone”

L'Associazione sostenitori dei collaboratori e testimoni di giustizia presenta un documento in otto punti: "Troppe cose non vanno bene"

 “Tutte queste leggi che stanno arrivando con la nuova riforma della Giustizia, stanno distruggendo la normativa antimafia voluta fortemente da Giovanni Falcone. Per i collaboratori di giustizia non si vede luce in fondo al tunnel. Per questo motivo noi come ‘Associazione Sostenitori dei Collaboratori e Testimoni di Giustizia’, abbiamo già presentato un documento in otto punti e ne abbiamo pronto un altro da sottoporre alle istituzioni competenti”. Lo ha affermato a “Cusano Italia Tv” Luigi Bonaventura, noto in passato per essere stato reggente della cosca di ‘ndrangheta dei Vrenna-Ciampà-Corigliano-Bonaventura, operante nel territorio di Crotone e dal 2006 collaboratore di giustizia.

“Ci vuole una lotta collettiva e transnazionale”

“Ci vuole una lotta collettiva e transnazionale”

“Troppe cose non vanno bene, le intercettazioni – sottolinea – sono state fatte a pezzi e rischiano di distruggere anche il sistema dei collaboratori di giustizia. Rischiamo di arrivare a un punto in cui in Italia non si potrà più parlare di lotta alle Mafie. Serve un sistema, una legge che sia garantista anche per il cittadino perché, quando fallisce il collaboratore di giustizia non fallisce solo lui in prima persona ma tutto il sistema. Puntiamo, inoltre, all’inserimento socio lavorativo nella normativa europea antimafia. Ecco perché siamo gemellati con l’associazione antimafia tedesca e francese, lavoriamo anche a livello internazionale per arrivare a una normativa antimafia europea. Ci vuole una lotta collettiva e transnazionale. L’importante è collaborare perché la Mafia non è solo un problema italiano. Purtroppo, i collaboratori di giustizia sono diventati una categoria non protetta come insegnano le vicende di Leonardo Vitale e Tommaso Buscetta. I cosiddetti “pentiti” rischiano la vita in prima persona e mettono a repentaglio anche i loro famigliari con questa scelta di vita”.

Il doppio marchio: infame per la mafie, mafioso per la società civile

L’Associazione Sostenitori dei Collaboratori e Testimoni di giustizia’ assiste umanamente 4.000 familiari di circa 1.000 collaboratori di giustizia. “La nostra – spiega – è una vera e propria rivoluzione per i diritti fondamentali, tipo ad esempio: la possibilità di studiare per i nostri figli e la possibilità di aver accesso al Sistema Sanitario Nazionale per le cure di cui hanno bisogno. Si tratta di diritti basilari esistenti già quando sottoscriviamo il contratto con lo Stato; poi però lo Stato stesso non rispetta i patti. Noi collaboratori di giustizia e i nostri familiari portiamo il doppio marchio: siamo infami per le Mafie e restiamo semplici mafiosi pentiti per una società civile che civile non è; infatti, la conseguenza è che siamo discriminati. Per esempio, io in questo momento non riesco a lavorare, perché con i precedenti che ho e con i pregiudizi che ci sono in Italia diventa difficile per me lavorare”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved