Calabria7

L’allarme di Coldiretti: “Senza turismo a rischio i tesori agroalimentari di 318 borghi calabresi”

Senza turismo, a causa dei blocchi e delle limitazioni agli spostamenti imposti dall’emergenza Covid, sono a rischio i 269 tesori alimentari tradizionali dei borghi calabresi custoditi da generazioni dagli agricoltori. La denuncia è della Coldiretti regionale.

“L’assenza di turisti stranieri e italiani ha un impatto pesante sulla loro sopravvivenza legata alla storia e all’economia dei territori, che – sottolinea la Coldiretti – sono il simbolo della grande creatività, tradizione, qualità e sicurezza alla base del successo del Made in Calabria. Tesori custoditi nei nostri 318 piccoli borghi che hanno ampi margini di accoglienza residenziale in un paesaggio fortemente segnato dalle produzioni agricole, dalle colline pettinate dai vigneti agli ulivi secolari, dai casali, agriturismi e montagna  che raccontano la bellezza della Calabria e la bontà dei suoi prodotti. Un patrimonio da salvare che – precisa la Coldiretti – non ha solo un valore economico, ma anche storico, culturale ed ambientale e che garantisce la lavoro alla popolazione anche nelle aree interne più isolate.

Il crollo del turismo straniero in Calabria – stima Coldiretti – ha causato un buco di oltre 300 milioni nelle spese dei viaggiatori dall’estero. La mancanza di vacanzieri si trasferisce a valanga sull’insieme dell’economia per il crollo delle spese per, alimentazione, alloggio trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. Il cibo – spiega la Coldiretti – è la voce principale del budget delle famiglie in vacanza con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola”.

“Valorizzare Made in Calabria”

“Dietro ogni prodotto c’è una storia, una cultura ed una tradizione che, viva nel tempo, esprime  la realtà di ogni territorio” afferma il presidente della Coldiretti Calabria, Franco Aceto, nel sottolineare “la necessità di valorizzare questo patrimonio anche per aumentare la spinta del Made in Calabria sui mercati italiani ed esteri. Non sono solo numeri – precisa Aceto – perché dietro ci sono centinaia di agricoltori, allevatori, pescatori, viticoltori e casari che soffrono insieme ai ristoratori”.

Bilanci devastati

Chiusure forzate, limitazioni negli orari di apertura, divieti agli spostamenti, drastico calo delle presenze turistiche e la diffusione capillare dello smart working hanno devastato i bilanci dei servizi di ristorazione e tagliato drammaticamente i livelli occupazionali ma le conseguenze, continua la Coldiretti, si fanno anche sentire direttamente sui fornitori. “Anche alla luce dell’avanzare della campagna di vaccinazione, da intensificare – continua Aceto – se le condizioni sanitarie lo permetteranno diventa importante consentire le aperture dei locali della ristorazione. Con l’arrivo del bel tempo le chiusure favoriscono paradossalmente gli assembramenti all’aperto sulle strade, nelle piazze e sul lungomare. Nei locali della ristorazione e agriturismi sono state invece adottate  tutte le misure di sicurezza previste”.

Nell’attività di ristorazione – rileva la Coldiretti – sono coinvolti oltre 15mila tra ristoranti, bar, pizzerie e agriturismi  con 32.668 addetti situati nella Regione ma le difficoltà si trasferiscono a cascata sulle  industrie alimentari, sulle oltre 34mila aziende agricole lungo la filiera impegnate a garantire le forniture. “Si tratta di difendere la prima ricchezza della Regione: la filiera agroalimentare che in Italia – conclude Coldiretti – vale 538 miliardi pari al 25% del Pil nazionale ma è anche una realtà da primato per qualità, sicurezza e varietà a livello internazionale”

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Svimez: “Al Sud reddito cittadinanza allontana persone dal lavoro”

Matteo Brancati

Fondi UE, UIL: “Facilitare la ripartenza economica”

Mirko

Coldiretti, in Calabria iniziata la vendemmia delle uve bianche

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content