L’ambulanza arriva con oltre 2 ore di ritardo e Paula muore a soli 29 anni

Su quello che appare come un caso di malasanità, la famiglia della ragazza ha presentato una denuncia
ambulanza in ritardo

Per l’ospedale di sarebbe trattato di un possibile colite. Sta di fatto che Paula, giovane che lavorava come cameriera a Trastevere, a Roma, è morta a soli 29 anni. A causare il decesso uno shock settico provocato da ulcera duodenale perforata. Su quello che sembrerebbe essere un vero e proprio caso di malasanità, la famiglia della ragazza ha presentato un denuncia. “Noi – dichiarano i familiari – attendiamo con fiducia l’esito delle indagini perché, al momento, ci sono tanti sospetti e nessuna certezza. Ad oggi, l’unico dato certo è il fatto che nostra figlia sia morta in circostanze del tutto ambigue e paradossali e che non abbia ricevuto le giuste attenzioni e cure da chi è a ciò predisposto”.

Il malore

Il malore

Il primo malore, riporta FanPage.it, è avvenuto lo scorso 21 luglio: a causa di forti crampi addominali, con dolore dalla bocca fino all’inguine, la ragazza si è recata in pronto soccorso andando via prima dal locale in cui lavorava. Una volta arrivata, le sono stati somministrati antidolorifici ed effettuati alcuni esami. Era notte fonda e, verso le ore 4, Paula ha comunicato l’esito degli esami alla sorella: secondo quanto giudicato dai medici si sarebbe trattato di una possibile colite. “Me ne sono andata perché non mi volevano dare niente”, ha raccontato in un audio con voce tremante.

Il giorno dopo è proprio lì che è rimasta: ha passato tutta la giornata nella sua abitazione e non è riuscita neppure ad alzarsi dal letto. Due giorni dopo, sabato 23, è iniziato il suo calvario. La ragazza ha detto alla sorella, Rebecca: “Non sento più mani e piedi”. A poco a poco le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare. Nel frattempo le telefonate al 118 sono continuate e, dall’altra parte del telefono, Rebecca ha iniziato a spiegare i sintomi: “Non ha più sensibilità alla lingua”, ha detto la prima volta. “Non ci vede più”, ha aggiunto dopo, prima di evidenziare il colore del corpo: “È tutto viola”.

L’arrivo del personale sanitario

Il personale sanitario composto da medici e infermieri è arrivato soltanto alle 15.40, dopo due ore e 37 minuti dalla prima chiamata. Le condizioni in cui si trovava Paula sono apparse molto gravi: agonizzante, i medici hanno tentato di rianimarla, ma senza riuscirci.  È morta alle 17.14.

Secondo quanto dicono alla sorella, potrebbe trattarsi di overdose. Ma Paula non ha mai assunto droghe e Rebecca lo sa. Eppure i medici hanno iniziato a cercare nel comodino, nel comò e nell’armadio di Paula, cercando farmaci o pasticche. In seguito, come si legge dal  certificato necroscopico e dall’esame autoptico eseguito dal direttore, il professore Costantino Ciallella si evincerà poi che nostra figlia è morta per shock settico secondario ad ulcera duodenale perforata complicata da peritonite purulenta e da polmonite bilaterale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved