L’ambulanza arriva con oltre 2 ore di ritardo e Paula muore a soli 29 anni

Su quello che appare come un caso di malasanità, la famiglia della ragazza ha presentato una denuncia
ambulanza in ritardo

Per l’ospedale di sarebbe trattato di un possibile colite. Sta di fatto che Paula, giovane che lavorava come cameriera a Trastevere, a Roma, è morta a soli 29 anni. A causare il decesso uno shock settico provocato da ulcera duodenale perforata. Su quello che sembrerebbe essere un vero e proprio caso di malasanità, la famiglia della ragazza ha presentato un denuncia. “Noi – dichiarano i familiari – attendiamo con fiducia l’esito delle indagini perché, al momento, ci sono tanti sospetti e nessuna certezza. Ad oggi, l’unico dato certo è il fatto che nostra figlia sia morta in circostanze del tutto ambigue e paradossali e che non abbia ricevuto le giuste attenzioni e cure da chi è a ciò predisposto”.

Il malore

Il malore

Il primo malore, riporta FanPage.it, è avvenuto lo scorso 21 luglio: a causa di forti crampi addominali, con dolore dalla bocca fino all’inguine, la ragazza si è recata in pronto soccorso andando via prima dal locale in cui lavorava. Una volta arrivata, le sono stati somministrati antidolorifici ed effettuati alcuni esami. Era notte fonda e, verso le ore 4, Paula ha comunicato l’esito degli esami alla sorella: secondo quanto giudicato dai medici si sarebbe trattato di una possibile colite. “Me ne sono andata perché non mi volevano dare niente”, ha raccontato in un audio con voce tremante.

Il giorno dopo è proprio lì che è rimasta: ha passato tutta la giornata nella sua abitazione e non è riuscita neppure ad alzarsi dal letto. Due giorni dopo, sabato 23, è iniziato il suo calvario. La ragazza ha detto alla sorella, Rebecca: “Non sento più mani e piedi”. A poco a poco le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare. Nel frattempo le telefonate al 118 sono continuate e, dall’altra parte del telefono, Rebecca ha iniziato a spiegare i sintomi: “Non ha più sensibilità alla lingua”, ha detto la prima volta. “Non ci vede più”, ha aggiunto dopo, prima di evidenziare il colore del corpo: “È tutto viola”.

L’arrivo del personale sanitario

Il personale sanitario composto da medici e infermieri è arrivato soltanto alle 15.40, dopo due ore e 37 minuti dalla prima chiamata. Le condizioni in cui si trovava Paula sono apparse molto gravi: agonizzante, i medici hanno tentato di rianimarla, ma senza riuscirci.  È morta alle 17.14.

Secondo quanto dicono alla sorella, potrebbe trattarsi di overdose. Ma Paula non ha mai assunto droghe e Rebecca lo sa. Eppure i medici hanno iniziato a cercare nel comodino, nel comò e nell’armadio di Paula, cercando farmaci o pasticche. In seguito, come si legge dal  certificato necroscopico e dall’esame autoptico eseguito dal direttore, il professore Costantino Ciallella si evincerà poi che nostra figlia è morta per shock settico secondario ad ulcera duodenale perforata complicata da peritonite purulenta e da polmonite bilaterale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il Pontefice, rende noto la Santa Sede, ricoverato da ieri al Policlinico Gemelli ha riposato bene durante la notte e proseguono le cure programmate
Questo il bilancio di un’operazione della Dia di Catanzaro, coordinato dalla Procura Distrettuale Antimafia
Clementino della Piana sarà il liquore presentato in prima assoluta in Italia, insieme alle altre specialità Caffo e ai nuovissimi cocktail pronti per conquistare l’ora dell’aperitivo
Questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid comunicati dale Asp della Regione
Il nuovo convoglio ferroviario rappresenta un salto generazionale, perché può viaggiare con motori diesel su linee non elettrificate
L’ultima settimana di marzo sta regalando tante soddisfazioni agli appassionati dei Gratta e Vinci, distribuendo diverse vincite da Nord a Sud
Dopo nove consecutivi al Teatro Comunale, nel centro del centro storico, Enzo e Ivan Colacino saranno di nuovo in scena per due date “pasquali”
Il sequestro è stato eseguito su immobili, terreni, un’attività commerciale nel settore della somministrazione di alimenti e bevande e tutti i rapporti bancari intestati o riconducibili agli indagati
Il piccolo dovrebbe sottoporsi a un percorso di fisioterapia intensivo in Spagna. "Essendo completamente a pagamento - affermano i genitori - è difficile sostenerlo"
La donna, raggiunta dai familiari dopo circa due ore, si è riservata il diritto di querelare l'autista del pullman
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved