Calabria7

Lamezia, consigliere Piccioni incontra ministro sanità Speranza

Il ministro Speranza e Piccioni

Ho avuto occasione di incontrare il ministro della Salute Roberto Speranza- lo afferma in un comunicato il consigliere comunale ed ex candidato a sindaco di Lamezia Rosario Piccioni –  La visita del ministro alla Calabria, come aveva evidenziato l’ex presidente del consiglio De Biase nei giorni scorsi con un appello indirizzato al Sindaco, era un’occasione unica da non lasciarsi assolutamente sfuggire.

Al ministro ho consegnato un dossier nel quale sono messe nero su bianco le gravi emergenze della sanità lametina: dalla chiusura di reparti e attività ambulatoriali, ai precari, alle gravissime carenze di personale e al blocco delle assunzioni che vedono oggi il nostro ospedale, al servizio di un comprensorio con oltre 140mila abitanti, letteralmente al collasso.

Ho messo in evidenza nel dossier consegnato al ministro quanto denunciato alcuni giorni fa dal segretario regionale dell’Anaao Filippo Larussa: la vicenda paradossale del decreto del subcommissario Crocco di fine dicembre,  che stabilisce le linee guida per ottenere l’autorizzazione all’assunzione di nuovo personale, in base alle quali l’ospedale di Lamezia risulterebbe incredibilmente in sovrannumero. Questo significa una cosa sola: nessuna possibilità di assunzioni per l’ospedale di Lamezia.

Una valutazione inaccettabile, come sanno bene tantissimi pazienti che ogni giorno frequentano l’ospedale. Una vicenda grottesca che conferma quanto la gestione della sanità lametina e calabrese affidata a fredde operazioni di aritmetica sia pericolosa: è urgente un intervento alto della politica per garantire i diritti fondamentali dei cittadini lametini e calabresi.

IL CENTRO DI NEUROGENETICA

Ho posto al ministro la questione del Centro di Ricerca Neurogenetica – ha detto Piccioni –  che deve poter proseguire un’attività straordinaria che ne ha fatto una realtà d’eccellenza a livello mondiale.  Soprattutto ho chiesto che l’ospedale di Lamezia diventi un ospedale “normale”, dove vengano garantiti i livelli essenziali di assistenza oggi non garantiti. Voglio ringraziare il dottor Cesare Perri, che ha già curato il programma del nostro movimento sulla sanità, per il suo contributo competente che, oltre a denunciare le emergenze dell’ospedale lametino, propone spunti significativi per una riorganizzazione della rete ospedaliera, per rispondere meglio ai bisogni reali dei cittadini.

Nessun proclama, nessuna esultanza: sono il primo a ribadire che ora servono fatti concreti. Ma ho voluto dare il mio contributo portando la questione della sanità lametina direttamente nelle mani del ministro della salute. Un ministro di grande spessore politico, che già conosce la realtà della sanità calabrese e ha ben chiaro il valore inestimabile della sanità pubblica, del diritto alla salute delle persone garantito dalla Carta costituzionale. Un diritto – conclude Piccioni – di cui i cittadini lametini e calabresi devono godere appieno come tutti i cittadini italiani.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Triffiletti: “Immagino un centrodestra senza Tallini”

manfredi

Catanzaro, Cardamone: “Inaugurata mostra Pingitore al Marca”

Mirko

Catanzaro, interrotta erogazione acqua in zona Sala-Campagnella

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content