Calabria7

Lamezia, malcontento per proposta accorpamento Manzoni-Augruso

panorama della Don Milani

C’è tanta amarezza e rabbia  nella comunità scolastica dell’Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani di Lamezia Terme per il Piano di Dimensionamento 2020/21 proposto dalla commissione comunale.

Di nuovo si parla di accorpamento all’Istituto Manzoni-Augruso senza tenere conto della realtà territoriale in cui opera uno degli istituti più antichi della città nè tanto meno delle motivazioni che gli organi collegiali hanno espresso in sede di deliberazione.

Queste  riguardano espressamente la richiesta “di un riequilibrio della  rete scolastica stabilizzando e consolidando tutte le istituzioni presenti sul territorio, rafforzando quelle più deboli per poter garantire solidità e sancire presidi di legalità su realtà socialmente disgregate e disomogenee.”

L’Istituto Don Milani  ha da sempre rappresentato un’eccellenza, un esempio per il suo modo diverso e alternativo di fare scuola, che mette al centro i bambini ed i ragazzi e la loro formazione non solo da un punto di vista pedagogico, ma anche e soprattutto di maturazione emotiva, di acquisizione dell’autonomia di pensiero e della sicurezza del sé.

Una scuola critica, che nell’isolamento complessivo, riesce a insegnare il pensiero critico, l’autonomia del pensiero,  il coraggio della differenza.

La Scuola Don L Milani di Lamezia Terme inoltre ha raccolto sul serio il messaggio del prete di Barbiana e, inserita nella rete nazionale  di scuole milaniane ,  l’ha fatto diventare azione, modalità, approccio.

Caratteristiche sempre più rare da trovare sul territorio italiano, per diverse ragioni.

A proporre questo accorpamento, considerato da tutta la comunità dell’Istituto Don Milani al limite della correttezza e del buon senso, è stata la terna commissariale.

Prima di uscire dal proprio mandato, ha tenuto poco conto di un territorio, il centro storico di Lamezia , che ha bisogno di avere un’ istituzione scolastica forte ed autonoma, non di essere  un’appendice di un istituto che gravita sulla parte ovest della citta.

Per questo l’intera comunità scolastica si appella al senso di responsabilità del Presidente della Provincia di Catanzaro, Sergio Abramo, affinché possa decidere di sospendere la decisione sull’accorpamento della Don Milani.

In attesa della definizione del turno elettorale amministrativo in corso che restituirà le istituzioni democratiche alla città e consentirà un confronto decisivo per le scelte relative al dimensionamento. Certi che il Presidente Abramo vorrà raccogliere un appello di buon senso, la comunità scolastica attende fiduciosa un segnale istituzionale forte.

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cuda (Pd): “Ad Oliverio dignità che gli è stata sottratta”

manfredi

Fra poco online “A microfono aperto…” Speciale Cnec, dedicato alla carità

Danilo Colacino

Parole di Vita, don Gaudioso commenta il Vangelo del Corpus Domini (Video)

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content