Landini (Cgil): “L’arretramento delle infrastrutture è quello che impedisce la crescita in Calabria”

A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno

“Parlare di sviluppo in Calabria significa parlare di investimenti, asili, scuole, ospedali, infrastrutture, perché questo è quello che si sta pagando, questo arretramento delle infrastrutture che è quello che impedisce la crescita. In Calabria, poi, come in altre parti del Paese, in particolare nel Sud, si sta vivendo anche uno spopolamento, nel senso che i giovani se ne vanno e credo che questo sia un altro tema centrale”. A dirlo, a Lamezia Terme, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, parlando all’iniziativa “Quale sviluppo per il Mezzogiorno e la Calabria” alla presenza del presidente della Regione Roberto Occhiuto.

“Noi – ha aggiunto Landini – dobbiamo narrare il punto di vista di chi per vivere ha bisogno di lavorare, e da questo punto di vista qui le condizioni sono peggiorate perché si è poveri lavorando, si continua a morire sul lavoro, perché ci sono livelli di precarietà inaccettabile, perché è aumentata la malavita organizzata che controlla pezzi interi dell’economia. Quindi narrare una realtà diversa significa battersi affinché il lavoro torni ad essere un diritto vero. I diritti fondamentali, alle cure, all’istruzione, cioè ad essere persone libere con un lavoro dignitoso credo che sia il tema di fondo”.

“Noi – ha aggiunto Landini – dobbiamo narrare il punto di vista di chi per vivere ha bisogno di lavorare, e da questo punto di vista qui le condizioni sono peggiorate perché si è poveri lavorando, si continua a morire sul lavoro, perché ci sono livelli di precarietà inaccettabile, perché è aumentata la malavita organizzata che controlla pezzi interi dell’economia. Quindi narrare una realtà diversa significa battersi affinché il lavoro torni ad essere un diritto vero. I diritti fondamentali, alle cure, all’istruzione, cioè ad essere persone libere con un lavoro dignitoso credo che sia il tema di fondo”.

“Ringrazio Landini – ha detto Occhiuto – per la vicinanza alla Calabria e devo riconoscere al sindacato un’azione di stimolo rispetto alle tante emergenze in Calabria. Il sindacato in Calabria ha grande capacità di proposte”. “Quando è stato fatto il Pnrr – ha proseguito – hanno buttato dentro tutte le opere che avevano un grado di progettazione avanzata. E la Calabria è sempre stata vista come una regione dove l’impegno, anche da parte delle società di Stato nazionali, era marginale”.

“Ora siamo riusciti, insieme, – ha detto Occhiuto – ad ottenere 3,5 miliardi sulla 106. Certo non bastano, ma il risultato migliore che siamo riusciti ad ottenere è quello di pretendere che Anas faccia la progettazione anche nei tratti non finanziati. Stiamo tentando di fare le riforme. Su molte delle emergenze, c’è bisogno di uno sforzo congiunto del Governo nazionale, di quello regionale, delle organizzazioni sindacali regionali e nazionali perché altrimenti è difficile trovare le soluzioni definitive”. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Da domenica mattina si sono perse le tracce di un minore di 17 anni di nome Donato che si è allontanato dalla sua abitazione nel quartiere di Nicastro
Blitz della Squadra Mobile che ha identificato i presunti autori. Due sono minorenni e avrebbero sottratto 3800 euro e diverse confezioni di sigarette elettroniche
Un’iniziativa che ha coinvolto 100 studenti selezionati tra i corsi di laurea magistrale, di dottorato e master provenienti dalle principali università d’Italia
Nel mirino della Procura l'attività dell'azienda vibonese "EcoTriparni". L'udienza preliminare fissata per il prossimo 22 maggio
Il dibattimento del processo che punta a fare luce sugli affari internazionali del clan Bonavota di Sant'Onofrio avrà inizio il prossimo 15 maggio
La denuncia della Cisl: "Per fermare la fuga dei medici dal pubblico non servono i proclami ma le azioni concrete"
Nelle loro radici gravano secoli e secoli di storia. Autentici monumenti che vanno salvati dalla aggressione degli uomini
Con loro c’era anche una terza ragazza che è rimasta illesa. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri che hanno avviato le indagini
Revocato il sequestro dei beni mobili e immobili per un valore di oltre cinque milioni di euro
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved