Lavoratori della Abramo Customer Care rischiano il posto e per protesta restituiscono le tessere elettorali

"Un gesto estremo per evidenziare la nostra profonda frustrazione ed il senso di abbandono di fronte all'inerzia delle istituzioni"

“Chi non ha a cuore il futuro di ogni cittadino italiano non merita il nostro voto”. I lavoratori della Abramo Customer Care inviano una lettera al Prefetto di Crotone per accompagnare il plico nel quale hanno spedito, tramite raccomandata, circa 200 tessere elettorali raccolte in questi giorni come forma di protesta contro il silenzio sulla loro vicenda nella quale sono a rischio complessivamente mille posti di lavoro di cui la metà a Crotone. 


“I lavoratori della Abramo customer Care spa sostenuti da numerosi cittadini di Crotone, consegnano le loro schede elettorali in segno di protesta per il silenzio attorno alla loro situazione che va avanti ormai da anni e si trova alle battute finali. Un gesto estremo per evidenziare la nostra profonda frustrazione ed il senso di abbandono che proviamo di fronte all’inerzia delle istituzioni”. 
    La situazione precaria della Abramo CC è conosciuta ormai da almeno due anni, da quanto l’azienda Abramo CC è stata sottoposta all’amministrazione straordinaria. Il prossimo 30 giugno scade la proroga della commessa Tim e 1.000 dipendenti da giorno 1 luglio saranno senza lavoro se non accade qualcosa al ministero delle Imprese che ha annunciato un tavolo di crisi dopo le elezioni europee. 
    Nel frattempo si è scoperto che il ministero aveva autorizzato a fine maggio la cessione del ramo d’azienda di Abramo CC legato alla commessa Tim che occupa 347 persone. La cessione, però non prevede l’assunzione di tutti e questo non piace a dipendenti e sindacati. 


“I lavoratori della Abramo customer Care spa sostenuti da numerosi cittadini di Crotone, consegnano le loro schede elettorali in segno di protesta per il silenzio attorno alla loro situazione che va avanti ormai da anni e si trova alle battute finali. Un gesto estremo per evidenziare la nostra profonda frustrazione ed il senso di abbandono che proviamo di fronte all’inerzia delle istituzioni”. 
    La situazione precaria della Abramo CC è conosciuta ormai da almeno due anni, da quanto l’azienda Abramo CC è stata sottoposta all’amministrazione straordinaria. Il prossimo 30 giugno scade la proroga della commessa Tim e 1.000 dipendenti da giorno 1 luglio saranno senza lavoro se non accade qualcosa al ministero delle Imprese che ha annunciato un tavolo di crisi dopo le elezioni europee. 
    Nel frattempo si è scoperto che il ministero aveva autorizzato a fine maggio la cessione del ramo d’azienda di Abramo CC legato alla commessa Tim che occupa 347 persone. La cessione, però non prevede l’assunzione di tutti e questo non piace a dipendenti e sindacati. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved