Lavoro, Cgil e Uil: “Il settore edile esige la massima attenzione”

Gli esecutivi congiunti di FenealUil Calabria e Fillea Cgil Calabria hanno concluso il percorso di mobilitazione che culminerà nello sciopero generale del 16 dicembre
settore edile

“Il settore edile in Calabria esige la massima attenzione da parte del Governo”. Lo affermano, in un documento, gli esecutivi congiunti di FenealUil Calabria e Fillea Cgil Calabria, che, si fa rilevare, “hanno concluso il percorso di mobilitazione – durato oltre un mese – che culminerà nello sciopero generale di giovedì 16 dicembre. Le segreterie regionali del sindacato di categoria degli edili, guidate rispettivamente da Maria Elena Senese e Simone Celebre, dopo aver incontrato lavoratrici e lavoratori in tutti i più importanti cantieri aperti sul territorio regionale  – continua il comunicato – hanno fatto il punto in vista della manifestazione di giovedì che impegnerà il sindacato nelle piazze di Roma, Bari, Milano, Palermo e Cagliari”.

“FenealUil Calabria e Fillea Cgil Calabria scenderanno in piazza – spiegano Maria Elena Senese e Simone Celebre – perché abbiamo il dovere di rappresentare le persone che hanno bisogno di aiuto. Lavoratori precari, giovani e donne senza lavoro che rischiano di non avere mai una pensione, pensionati che faticano ad arrivare a fine mese, lavoratori edili costretti a stare su un ponteggio, mettendo a rischio la propria vita, anche in età avanzata”.

“FenealUil Calabria e Fillea Cgil Calabria scenderanno in piazza – spiegano Maria Elena Senese e Simone Celebre – perché abbiamo il dovere di rappresentare le persone che hanno bisogno di aiuto. Lavoratori precari, giovani e donne senza lavoro che rischiano di non avere mai una pensione, pensionati che faticano ad arrivare a fine mese, lavoratori edili costretti a stare su un ponteggio, mettendo a rischio la propria vita, anche in età avanzata”.

“Lo sciopero si farà”

“Tutto questo – proseguono i Segretari generali di FenealUil e Fillea Cgil Calabria – è ingiusto, è inaccettabile. Per i lavoratori edili, soprattutto quelli che non hanno contratti lavoratori regolari, è fondamentale l’accesso all’Ape sociale, così come il riconoscimento, anche in un’ottica di contrasto agli infortuni sul lavoro, nel novero dei lavori usuranti anche di quello edile. Per tutti, soprattutto per i più giovani, è necessaria la garanzia di un lavoro stabile, sicuro, al riparo da qualsiasi forma di sfruttamento o precariato e da chi pensa di poter licenziare i propri dipendenti via sms”.

“Lo sciopero si farà e noi ci saremo – dicono ancora Senese e Celebre – perché in Italia, ma soprattutto in Calabria, si avverte forte la necessità di una maggiore giustizia sociale che, nel favorire l’inclusione di tutte le fasce della popolazione ancora tenute ai margini del sistema produttivo, sia in grado di garantire un futuro stabile ai nostri giovani in Calabria e non oltre le Alpi. Un futuro in cui l’evasione fiscale non sia più la regola e chi paga le tasse possa godere di ogni servizio indispensabile senza preoccupazioni”.

“FenealUil e Fillea Cgil – concludono i Segretari generali delle organizzazioni sindacali di categoria – scenderanno in piazza il 16 dicembre perché lo sciopero, questo sciopero, serve a ribaltare la narrativa errata di questo Paese e di questa regione, per far capire a chi ci governa che durante le nostre assemblee hanno registrato tanto disagio, tanta disuguaglianza, tanta povertà e noi vogliamo raccontare questa storia: una storia diversa e rappresentare un Paese che ancora ha bisogno di aiuto”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Hanno preso il via questa mattina i lavori di ammodernamento del "prato verde" dello stadio Nicola Ceravolo in vista del nuovo campionato di Serie B
Giovedì 25 maggio un altro decesso aveva destabilizzato Palmi a seguito del suicidio di un giovane agente della Polstrada
Il conducente del camion, titolare di una ditta operante nel settore dei trasporti, ha mostrato sin da subito un evidente stato di agitazione
"Sembrerebbe che i due cani siano entrati da una porta lasciata aperta dal personale che si avvicendava per i turni di notte"
Le persone trasportate rischiavano la vita abbandonati in zone di montagna, al freddo ed alle intemperie, su sentieri scoscesi ed impervi
Due cani randagi sono entrati nelle scorse ore all'interno del nosocomio e hanno iniziato a vagare tra i reparti.
La compostiera consentirà di trattare in modo efficiente ed economico la frazione organica producendo compost a chilometro zero di ottima qualità
Le accuse sono di manifestazione non autorizzata e di occupazione della sede stradale per una giornata a Lamezia
Smantellata una cellula che ricollocava i migranti. Indagine partita dalla Calabria e sviluppata grazie alla cooperazione internazionale
"E' necessario invertire la tendenza che vede la Calabria tra le ultime Regioni che offrono ai giovani le condizioni migliori per lavorare"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved