Calabria7

Lavoro, Cisl: “Su Lsu-Lpu occorre l’impegno di tutti”

“La Calabria per la situazione drammatica in cui versa non può permettersi di perdere neppure un solo posto di lavoro. Per questo abbiamo chiesto il massimo impegno da parte di tutti per garantire il pieno assorbimento dell’intero bacino di lavoratori ex Lsu-Lpu”.

Così il segretario generale della Cisl Calabria, Tonino Russo, e il segretario generale della Fp Cisl, Luciana Giordano, che oggi alla Regione hanno partecipato a un incontro su Lsu-Lpu. “Seppure qualcosa – hanno affermato Russo e Giordano –  si sia mosso sul fronte della stabilizzazione con l’impegno da parte dei Comuni a procedere entro il 31 ottobre all’assunzione a tempo indeterminato di 1.600 lavoratori, questo non è sufficiente a garantire il futuro di altre migliaia di lavoratori che rischiano di vedersi mortificare le loro legittime attese”. Russo e Giordano hanno poi rilevato:  “Al tavolo con l’assessore Angela Robbe e il funzionario regionale Pasquale Capicotto abbiamo chiesto la convocazione immediata di un incontro con i rappresentanti di Anci e sindaci per dire a questi ultimi di procedere subito alle stabilizzazioni possibili in base ai loro piani triennali del fabbisogno in modo da portare  al tavolo romano una situazione più definita. Mentre al governo – hanno detto ancora i segretari generali della Cisl e della Fp Cisl – chiediamo il rispetto degli impegni  assunti  all’ultimo tavolo romano che ha poi portato alla proroga dei contratti fino a ottobre, cioè di approvare una norma per effettuare le assunzioni di tutti i lavoratori collocandoli in ruolo ad esaurimento, liberandoli dai limiti fissati dal turn over, inoltre  di storicizzare le risorse stanziate dal Governo nazionale pari a 50 milioni di euro annui che si aggiungerebbero a quelli già previsti dalla Regione”. Russo e Giordano infine hanno osservato: “Al presidente Oliverio  abbiamo chiesto che, insieme ai rappresentati di Anci  e ai sindaci, è necessario convocare al tavolo l’intera delegazione di  parlamentari calabresi per responsabilizzarli. E abbiamo avuto rassicurazioni che uno specifico tavolo regionale verrà convocato il prossimo 22 luglio sempre alla Cittadella per tracciare i progressi che dovranno portare alla piena occupazione di tutti i lavoratori coinvolti”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Autonomia differenziata e alta velocità, la fine o l’inizio di una nuova Calabria?

Mimmo Famularo

È giunta la fine di Mimmo Re? Può darsi: molti sognano il “ridimensionamento” di Tallini

Danilo Colacino

Agricoltura, Gallo: “Arcea patrimonio da salvaguardare, da inizio anno erogati 168 milioni”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content