Lavoro nero, irregolarità in due esercizi pubblici

I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro hanno effettuato controlli a tappetto su esercizi pubblici e sulla viabilità nel fine settimana appena trascorso.

Il resoconto e’ di due esercizi su cui sono stati riscontrate gravi irregolarità, due denunce a piede libero ed un uomo segnalato alla Prefettura di Cosenza per uso personale di sostanze stupefacenti. I carabinieri, unitamente a personale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, hanno effettuato controlli su esercizi pubblici il sabato notte. Nel mirino e’ finito un bar-tabacchi e sala slot dello scalo coriglianese nel quale il personale dell’ispettorato ha acclarato che due lavoratori erano impiegati totalmente in nero, senza alcuna dichiarazione effettuata agli organi competenti. Dopo gli ulteriori accertamenti che verranno effettuati dal personale dell’ente ispettivo, il datore di lavoro rischia un’ingente sanzione pecuniaria. Successivamente e’ stata ispezionata una nota discoteca sempre allo scalo coriglianese ed anche in questo caso sono state riscontrate irregolarità sulle assunzioni del personale e degli addetti alla sicurezza. La legge in materia di lavoro prevede oltre alle sanzioni pecuniarie, anche quella della sospensione dell’attività qualora venga accertata una presenza di almeno il 20% dei lavoratori in nero.

Il resoconto e’ di due esercizi su cui sono stati riscontrate gravi irregolarità, due denunce a piede libero ed un uomo segnalato alla Prefettura di Cosenza per uso personale di sostanze stupefacenti. I carabinieri, unitamente a personale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, hanno effettuato controlli su esercizi pubblici il sabato notte. Nel mirino e’ finito un bar-tabacchi e sala slot dello scalo coriglianese nel quale il personale dell’ispettorato ha acclarato che due lavoratori erano impiegati totalmente in nero, senza alcuna dichiarazione effettuata agli organi competenti. Dopo gli ulteriori accertamenti che verranno effettuati dal personale dell’ente ispettivo, il datore di lavoro rischia un’ingente sanzione pecuniaria. Successivamente e’ stata ispezionata una nota discoteca sempre allo scalo coriglianese ed anche in questo caso sono state riscontrate irregolarità sulle assunzioni del personale e degli addetti alla sicurezza. La legge in materia di lavoro prevede oltre alle sanzioni pecuniarie, anche quella della sospensione dell’attività qualora venga accertata una presenza di almeno il 20% dei lavoratori in nero.
I controlli dei Carabinieri hanno riguardato anche la viabilità: tra sabato e domenica notte sono stati controllati 32 veicoli ed oltre 60 persone, sono state contestate due violazioni per mancata copertura assicurativa, con contestuale sequestro del veicolo.

Un ragazzo ventenne di Trebisacce, durante un posto di controllo ha cercato di sbarazzarsi di un involucro contenente delle dosi di hashish, ma il gesto non e’ sfuggito ai militari che hanno raccolto quanto gettato ed hanno appurato che all’interno del cofanetto di plastica vi erano circa 3 grammi di hashish. Il giovane e’ stato sanzionato e segnalato alla Prefettura di Cosenza per uso personale di sostanza stupefacente.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved