Broker della droga vestito da manager, blitz della Polizia sull’asse Marocco-Italia: sei arresti

Il tutto sarebbe stato gestito da un algerino. Per la droga sarebbe stato pagato un anticipo di due milioni di euro
marijuana presepe

Un asse tra Marocco, Spagna e Italia avrebbe dovuto rifornire Palermo di grosse quantitativi di hashish. Un traffico internazionale che sarebbe stato gestito da un algerino arrivato all’aeroporto di Palermo vestito da manager. Lounis Youcef, 53 anni, è atterrato al Falcone e Borsellino. Non sapeva di essere seguito dai poliziotti della sezione narcotici della squadra mobile. Era giunto nel capoluogo siciliano per proporre l’acquisto di tre tonnellate di hashish ad alcuni trafficanti vicini al clan di Brancaccio. L’indagine è stata coordinata dalla procura diretta da Maurizio de Lucia. Gli agenti di polizia l’hanno pedinato per giorni. Con Lounis Youcef sono finiti in manette anche Rosario Tinnirello e Antonino La Vardera. Secondo quanto accertato dalle intercettazioni il grosso carico di droga sarebbe stato abbandonato in mare e poi recuperato successivamente dai componenti dell’organizzazione.

Gli arresti

Gli arresti

Si spiegano così anche i tanti ritrovamenti di droga di questi anni sulle coste siciliana, nel trapanese e nell’agrigentino. Per la droga sarebbe stato pagato un anticipo di due milioni di euro. L’algerino era arrivato a Palermo per definire l’accordo. Cinque indagati sono stati arrestati a Palermo mentre il trafficante nord africano è stato bloccato a Caserta. Aveva addosso una pistola semi automatica beretta calibro 7.65.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved