Lega contro il reddito di cittadinanza: “La misura deve essere riformata”

Il commissario regionale: "Da una parte si è quasi sostenuta l’evasione, dall’altra si è creato un meccanismo in cui è venuto a mancare la mano d’opera"
lega saccomanno

“Ha ragione Matteo Salvini quando chiede una riforma della misura. A distanza di qualche anno dal riconoscimento del reddito di cittadinanza si possono tirare le file della efficienza e necessità di tale misura. Se, da una parte, è stata una determinazione che ha sostenuto le persone in difficoltà, dall’altra, per la sua cattiva costruzione legislativa, ha portato a truffe ed all’utilizzo diverso da quello per la quale era stata deliberata”. ​​​​​​​​​Così il Commissario regionale della Lega, Giacomo Francesco Saccomanno.

Infatti – si legge nella nota stampa -, hanno usufruito di tale sostegno anche persone che non avevano le condizioni per ottenerlo, persone che sono giunte in Italia per lavorare e non per avere sostegni di tal tipo, persone che non hanno mai pagato le tasse nella nostra Nazione, e, quel che è più grave, vi è stato un impoverimento del mercato del lavoro, in quanto i soggetti fruitori invece di cercare di inserirsi in tale settore, hanno preferito acquisirlo e poi e spesso lavorare in nero. Con la evidente conseguenza che – continua Saccomanno –, da una parte, si è quasi sostenuta l’evasione e l’illecito e, dall’altra, si è creato un meccanismo in cui è venuto a mancare la mano d’opera o questa poteva utilizzarsi solo in nero”.

Infatti – si legge nella nota stampa -, hanno usufruito di tale sostegno anche persone che non avevano le condizioni per ottenerlo, persone che sono giunte in Italia per lavorare e non per avere sostegni di tal tipo, persone che non hanno mai pagato le tasse nella nostra Nazione, e, quel che è più grave, vi è stato un impoverimento del mercato del lavoro, in quanto i soggetti fruitori invece di cercare di inserirsi in tale settore, hanno preferito acquisirlo e poi e spesso lavorare in nero. Con la evidente conseguenza che – continua Saccomanno –, da una parte, si è quasi sostenuta l’evasione e l’illecito e, dall’altra, si è creato un meccanismo in cui è venuto a mancare la mano d’opera o questa poteva utilizzarsi solo in nero”.

“Misura completamente errata”

“Situazione aberrante – conclude il Commissario regionale della Legache ha indebolito il sistema occupazionale e che, allo stato, ha messo in forte difficoltà le imprese, gli artigiani, gli agricoltori, e tutte quelle attività, specialmente stagionali, che ora non hanno quella mano d’opera che è imprescindibile per la prosecuzione dell’attività. Un danno pesantissimo che deve essere, assolutamente e celermente, riparato, per evitare che si perdano quelle piccole imprese, a volte anche familiari, che sono la base della forza economica italiana. Una misura, quella del reddito di cittadinanza, completamente errata per la sua costruzione normativa e che risulta, veramente, un vero e concreto danno, oltre che una pacifica beffa per i tanti italiani che soffrono una crisi esistente da tempo e che pagano regolarmente le tasse, rispetto a chi spesso è quasi sconosciuto al fisco.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
A.V., 29 anni, ieri sera, avrebbe esploso alcuni colpi di pistola che hanno raggiunto alla testa la vittima, morta sul colpo
Sul posto il personale delle Forze dell’Ordine e di Anas è impegnato nella gestione della viabilità e per ripristinare la circolazione il prima possibile
I riscontri investigativi hanno consentito di individuare due diverse piazze di spaccio, una delle quali in centro e l'altra sulla Statale 18
Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che il maltempo si sta spostando le regioni meridionali
Tutte le persone che erano a bordo dell'autobus si sono salvate. Sull'incidente indagano i carabinieri
Interessati 5 mezzi, 3 dei quali sono stati completamente distrutti. Non si registrano danni a persone
La Procura aveva ottenuto il giudizio immediato per entrambi, ma poco prima dell'udienza gli imputati avevano chiesto il patteggiamento
Sul posto sono arrivati gli uomini della polizia, i quali hanno avviato le indagini
Le indagini sono condotte dai carabinieri che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto
Il piccolo aveva avuto un malore, poi è morto, ma i primi accertamenti dei medici non hanno consentito di accertarne le cause
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved