Lesioni e minacce di morte ai vicini di casa, assolto pregiudicato 48enne calabrese

Dall’appartamento dell’uomo, in diverse ore del giorno e della notte, provenivano urla, rumori di mobili trascinati o scaraventati a terra

In totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato difensore Francesco Nicoletti, il Tribunale di Castrovillari ha assolto il 48enne M.A.R., pregiudicato coriglianese, dalle gravissime imputazioni di lesioni aggravate e minaccia grave. Nello specifico, all’uomo si contestava di aver causato lesioni alla parte offesa e di averla in più occasioni minacciata di morte.

I fatti

La vicenda nasce dalla denuncia sporta dalle due parti offese, abitanti nello stesso stabile del 48enne. Secondo quanto ricostruito i rapporti di vicinato non erano mai stati buoni: dall’appartamento dell’uomo, in diverse ore del giorno e della notte, provenivano urla, rumori di mobili trascinati o scaraventati a terra e quest’ultimo avrebbe spesso minacciato di morte una delle parti offese. In un’occasione, mentre questa si trovava nel cortile condominiale per innaffiare una piantina, il 48enne avrebbe inveito perché era stato lasciato aperto il portone condominiale, estraendo poi un coltello e scagliandosi contro la malcapitata. Solo il fortuito intervento di una terza persona riusciva a scongiurare il peggio, mentre poco dopo M.A.R avrebbe sfondato la porta dell’abitazione della parte offesa con un calcio, afferrandola per un braccio e graffiandola. Rientrato in casa, avrebbe poi urlato offese e minacce dal balcone. Dall’attività di indagine espletata dai carabinieri era emerso come il 48enne fosse già noto agli ambienti giudiziari poiché più volte denunciato per lesioni e minacce e, per altri procedimenti, sottoposto a misura cautelare, sia in carcere sia agli arresti domiciliari.

Il processo

Le risultanze dell’attività investigativa sfociavano nel processo a carico dell’uomo, celebratosi dinanzi al Tribunale di Castrovillari che, all’esito, ha emesso una sentenza di assoluzione in totale accoglimento delle richieste avanzate dal difensore di fiducia Francesco Nicoletti.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved