L’allarme dell’Agenzia internazionale per l’Energia: “A rischio l’inverno 2023-2024 in Europa”

Durante l'estate prossima, il periodo chiave per il rifornimento dei siti di stoccaggio, l'Europa potrebbe registrare una carenza di ben 30 miliardi di metri cubi
prezzo del gas

L’Europa rischia di mancare di gas durante l’inverno 2023-24. Durante l’estate prossima, il periodo chiave per il rifornimento dei siti di stoccaggio, l’Europa potrebbe registrare una carenza di ben 30 miliardi di metri cubi. È quanto stima l’Aie, l’Agenzia internazionale per l’Energia in un rapporto pubblicato oggi sottolineando la necessità “di un’azione urgente da parte dei governi per ridurre il consumo di gas durante la crisi energetica globale”.

Il rapporto

Il rapporto

Secondo l’Adnkronos, l’Aie nel rapporto evidenzia che i siti di stoccaggio di gas nell’Unione europea sono ora pieni al 95%, a un livello superiore del 5% rispetto al livello medio di riempimento degli ultimi 5 anni. Ma il rapporto avverte “che il cuscinetto fornito dagli attuali livelli di stoccaggio, così come i recenti prezzi del gas più bassi e le temperature insolitamente miti, non dovrebbero portare a conclusioni eccessivamente ottimistiche sul futuro”. Il processo di riempimento dei siti di stoccaggio del gas dell’Ue quest’anno, infatti, sottolinea l’Aie “ha beneficiato di fattori chiave che potrebbero non ripetersi nel 2023. Questi includono le forniture di gas russo che, sebbene siano state drasticamente tagliate durante il 2022, si sono collocate vicine ai livelli ‘normali’ per gran parte della prima metà dell’anno”.

Le minori importazioni di gnl della Cina

La fornitura totale di gas dalla Russia all’Ue attraverso i gasdotti nel 2022 ammonterà probabilmente a circa 60 miliardi di metri cubi, ma, sottolinea l’Aie, “è altamente improbabile che la Russia consegni altri 60 miliardi di metri cubi di gas da gasdotto nel 2023 e le consegne russe in Europa potrebbero fermarsi completamente”. Inoltre, osserva l’Aie, “le minori importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) della Cina nei primi dieci mesi di quest’anno hanno rappresentato un fattore chiave per una maggiore disponibilità di Gnl in Europa per compensare il calo delle forniture di gas dalla Russia”.

“Se le importazioni cinesi di Gnl torneranno l’anno prossimo ai livelli del 2021, rappresenterebbero oltre l’85% dell’aumento previsto dell’offerta globale di Gnl. E l’offerta globale di Gnl dovrebbe aumentare di soli 20 miliardi di metri cubi nel 2023, con circa un terzo della crescita proveniente dagli USA. L’aumento previsto dell’offerta globale di Gnl per il prossimo anno è circa la metà dell’aumento medio durante il periodo 2016-2019 ed è molto inferiore al probabile calo delle consegne di gasdotti russi all’Ue il prossimo anno”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved