Libera ricorda Giuseppe Russo Luzza, vittima innocente della ‘ndrangheta nel Vibonese

Pino aveva 21 anni quando scomparve dopo avere cominciato a frequentare la cognata del boss Gallace. L’iniziativa a Dinami (VV)

Sabato 9 marzo un incontro di Libera, “Voci in Memoria”, ricorderà Giuseppe Russo Luzza, vittima innocente della ‘ndrangheta. L’iniziativa avverrà dalle 16:00 in località Giardino in Monsoreto di Dinami, ed è stata fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Dinami (VV) e dalle parrocchie del territorio. “Sarà un momento di comunità e di dialogo in ricordo di un giovane barbaramente ucciso dalla violenza criminale. La storia di Pino è una storia d’amore negato, in una terra nella quale purtroppo, c’è chi si arroga il diritto di decidere chi puoi amare e chi invece, no. L’amore, forza dirompente e incontenibile, dissacrante, profonda e senza limiti, si scontra con le rigide e becere regole della ‘ndrangheta che non conosce sentimenti ma soltanto giochi di potere e di forza”, sostiene Libera in nota.

Pino aveva 21 anni quando scomparve misteriosamente dopo aver iniziato da poco a frequentare la cognata del boss Gallace, quest’ultimo, oggi, all’ergastolo. La giovane non era libera di scegliere il suo futuro ma silente pedina, oggetto alla mercé della famiglia di ‘ndrangheta per creare ponti e alleanze criminali. Era il 15 gennaio quando Pino uscì per andare a Vibo Valentia purtroppo, però, non fece mai ritorno a casa. Due mesi dopo, il 21 marzo, i suoi resti vennero ritrovati in una zona impervia nei pressi di Dinami, paese vicino al suo paese natio. Uno degli omicidi più sanguinari del vibonese, la ricostruzione è un pugno allo stomaco. Lo uccidono, inveiscono sul corpo e lo gettano in un fosso.

“Un messaggio eclatante: il boss deve mostrare di avere il controllo sulla sua famiglia e quindi, sul territorio. Non c’è spazio alla spensieratezza di un primo amore vissuto tra i vicoli stretti di quella cittadina nell’entroterra calabro, di quei sorrisi accennati e la fierezza di un giovane uomo che si affaccia alla vita. Pino è colpevole d’amore. Il tribunale clandestino della ‘ndrangheta ne sentenzia la morte. Non c’è appello. Una storia, un volto, un nome destinati all’oblio”, afferma Libera.

“Ed è una comunità intera che, invece, a 30 anni di distanza, squarcia il velo tetro della morte, facendo propria la storia di un giovane figlio di questa terra contradditoria; una comunità che ha deciso di ritrovarsi proprio sul luogo dove furono trovati i resti di Pino in località Giardino a Monsoreto di Dinami. Per la prima volta, infatti, il 9 marzo alle ore 16.00, ci recheremo sul luogo dove Pino ha trovato la morte per un momento di preghiera e per trasformare quel posto, da luogo di morte a luogo di memoria viva. Verrà scoperta una targa in ricordo del giovane ucciso, un monito, una pietra d’inciampo che aiuti tutte e tutti noi a scegliere da che parte stare”.

Dopo questo primo momento si ascolterà la testimonianza di Teresa e di Matteo, madre e fratello di Pino in piazza Scarano, nell’ambito di un momento di riflessione e memoria che si inserisce nei “Cento passi verso il 21 Marzo”, Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che, quest’anno, si terrà a Roma. “Oggi, quel giovane alto e magro, dai capelli scuri e il volto di uomo, continua ad amare. Lo fa grazie alla madre Teresa che dispensa sempre un sorriso anche se dentro ha il cuore a pezzi, grazie a Matteo che porta la storia di Pino nelle scuole e nelle carceri, grazie a chi, con la sua storia, anima la quotidianità di gesti coraggiosi per poter rivendicare anche il più elementare dei diritti, quello all’amore”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved