Liberazione, prefetto di Catanzaro: “Festa di tutti gli italiani”

Il richiamo al rispetto dei valori della libertà e della democrazia: è stato questo il messaggio che ha caratterizzato le celebrazioni della Festa della Liberazione a Catanzaro. La cerimonia si è svolta presso il Monumento ai Caduti, nella centralissima Piazza Matteotti.

“Il 25 aprile – ha commentato il prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino – insieme all’8 settembre rappresenta il riscatto e la rinascita del Paese e la sua liberazione dal nazionalsocialismo e da una dittatura che rischia di portarci alla rovina. Sono date importanti perché posero le basi per la redazione della nostra Bibbia Laica, la Costituzione. Il 25 aprile inoltre è la festa di tutti, dico proprio di tutti, gli italiani, e di questa data – ha aggiunto la Ferrandino – tutti devono essere orgogliosi”.

“Il 25 aprile – ha commentato il prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino – insieme all’8 settembre rappresenta il riscatto e la rinascita del Paese e la sua liberazione dal nazionalsocialismo e da una dittatura che rischia di portarci alla rovina. Sono date importanti perché posero le basi per la redazione della nostra Bibbia Laica, la Costituzione. Il 25 aprile inoltre è la festa di tutti, dico proprio di tutti, gli italiani, e di questa data – ha aggiunto la Ferrandino – tutti devono essere orgogliosi”.

Le celebrazioni della Festa di Liberazione a Catanzaro hanno visto lo schieramento del reparto di formazione in armi composto da un plotone interorze, l’ingresso dei gonfaloni della Regione, della Provincia e del Comune capoluogo, dei labari delle associazioni combattentistiche, l’alzabandiera, gli onori al prefetto: la novità rispetto al classico protocollo è stata la deposizione, da parte dei ragazzi della Consulta studentesca provinciale, di una corona di fiori sotto il monumento ai caduti.

“In questo modo – ha detto ancora il prefetto Francesca Ferrandino – abbiamo voluto trasmettere il messaggio per cui la cultura ci rende liberi e migliori”. Alla cerimonia hanno preso parte le massime autorità militari, civili e religiose del territorio di Catanzaro: presenti, tra gli altri, i parlamentari Bianca Laura Granato e Silvia Vono (M5s), l’assessore regionale al Lavoro, Angela Robbe, il presidente della Commissione regionale antimafia, Arturo Bova, il sindaco e presidente della provincia di Catanzaro, Sergio Abramo, con il vicepresidente dell’ente intermedio, Antonio Montuoro. Da segnalare la partecipazione dei vertici regionali e territoriali della Cgil, guidati dal segretario generale Angelo Sposato, dell’Anpi provinciale : particolare emozione ha suscitato inoltre la partecipazione tra il pubblico di Lorenza Rozzi, proveniente da una famiglia di partigiani dell’Emilia Romagna e promotrice negli anni ’60 della prima scuola di formazione per infermiere a Catanzaro.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I fermati sono stati condotti in carcere in attesa delle determinazioni dell’Autorità giudiziaria competente
"Partirà proprio in queste settimane il tavolo per la proposta di definizione del riconoscimento dei caregiver familiari"
Questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 dei Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione
E' quanto ha reso noto il suo difensore, l’avvocato Roberto Le Pera
Il ritratto di una famiglia che vive tra segreti e tradimenti, un microcosmo in cui vengono rivelati affetti profondi ed effetti della presa di coscienza delle vicende narrate da ciascun protagonista
Ieri aveva ritirato le dimissioni dall’incarico dopo l’annullamento dell’ordinanza relativa ad una misura interdittiva a suo carico
Il Presidente della Repubblica ha firmato il provvedimento di conferimento del titolo, su proposta dal Ministero dell’Interno
La manifestazione fortemente voluta dal Comune dopo l’operazione antimafia Hybris contro le cosche Piromalli e Molè
La misura cautelare trae origine da una indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e condotta dall'Arma territorial
“Ci hanno ringraziato per l'aiuto che gli abbiamo dato. Hanno sofferto tanto ed hanno lavorato per superare la tragedia"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved