Litiga con un prete, poi estrae pistola e spara un giovane: fermata guardia giurata nel Cosentino

L'acceso diverbio è partito all'interno di un locale notturno e si è spostato all'esterno dove è spuntata un'arma da fuoco
corigliano rissa

Sarebbe potuta finire in tragedia la rissa esplosa – nella notte tra venerdì 12 e sabato 13 – in un noto locale della movida di Corigliano-Rossano, in provincia di Cosenza. All’interno dell’esercizio commerciale a Rossano Scalo, per cause tuttora in corso di accertamento, sarebbe scoppiato un acceso diverbio tra una guardia giurata ed un prete. La colluttazione si è spostata successivamente all’esterno dell’attività e qui il vigilante di 28 anni – secondo una prima e sommaria ricostruzione – avrebbe estratto la pistola sparando all’indirizzo di un giovane intervenuto a difesa del sacerdote. Il ragazzo è stato immediatamente soccorso e trasferito in ospedale dove è stato sottoposto ad un itervento chirurgico. Non sarebbe fortunatamente, in base a fonti interne al nosocomio, in pericolo di vita. Presenti sul posto, oltre al personale sanitario del 118, una pattuglia dei Carabinieri e la volante della Polizia di Stato che hanno individuato e fermato la guardia giurata. Proseguono le indagini degli inquirenti per fare maggiore chiarezza su quanto accaduto.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Glà il primo di gennaio 2023 in Calabria mancavano 24 pediatri di libera scelta, carenza che si prevede in aumento entro il 2026
Nel mirino della Procura di Vibo l'ex direttore artistico Gilberto Floriani, il suo "braccio operativo" Valentina Amaddeo e tre dei suoi cinque figli. Ecco le accuse
Il veliero è stato intercettato da una motovedetta della Guardia costiera di Crotone a poche miglia dalla spiaggia di Marina di Strongoli
Il magistrato in aula al termine della requisitoria aveva invocato la condanna a 4 anni di reclusione
Nelle motivazioni della sentenza la stima incondizionata del boss di Zungri per l'avvocato "truffaldino e imbroglione"
rinascita scott
Nelle motivazioni della sentenza di "Rinascita Scott", la strategia della pacificazione imposta dal boss per ottenere il consenso della popolazione e l’assoggettamento spontaneo degli imprenditori
"Due risultati in un colpo solo: l’abbellimento di quel tratto di lungomare e la sua messa in sicurezza per la stagione estiva"
Le precisazioni della Cittadella dopo la bufera giudiziaria che ha portato a due arresti: "Non è un ente regionale"
Il collegio di Vibo spiega la condanna a 5 anni e 6 mesi per il militare accusato di favoreggiamento aggravato dalle modalita mafiose
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved