Lo colpì con un’ascia e lo lasciò privo di sensi, pena ridotta

ginecologo catanzaro

La Corte di appello di Catanzaro ha rideterminato la pena a carico di Biamonte, accusato di lesioni aggravate, tentata violenza privata e rapina

Lieve sconto di pena per Valentino Biamonte, 40 anni del Catanzarese, accusato di lesioni aggravate, tentata violenza privata e rapina. La Corte di appello del capoluogo calabrese lo ha condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, mentre in primo grado, il gup del Tribunale di Catanzaro Barbara Saccà aveva inflitto all’uomo giudicato con rito abbreviato 1 anno e 4 mesi di carcere, oltre al risarcimento del danno in favore della parte civile rappresentata in giudizio dall’avvocato Orlando Sapia e al pagamento di una provvisionale pari a 4mila euro. I fatti risalgono al 2 dicembre 2014, quando secondo la ricostruzione dei fatti, Biamonte, difeso dal legale Maurizio Giacobbe, aggredì in località Tre Arie nel Comune di Gimigliano un vicino confinante di terreno. Furono i carabinieri a soccorrere l’uomo che venne portato all’ospedale Pugliese- Ciaccio, riportando varie ferite lacero contuse e un ematoma al viso. In particolare Biamonte entrato nel terreno del vicino, avrebbe sottratto allo stesso l’ascia usata per tagliare la legna, colpendo il vicino e lasciandolo privo di sensi.

Lieve sconto di pena per Valentino Biamonte, 40 anni del Catanzarese, accusato di lesioni aggravate, tentata violenza privata e rapina. La Corte di appello del capoluogo calabrese lo ha condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, mentre in primo grado, il gup del Tribunale di Catanzaro Barbara Saccà aveva inflitto all’uomo giudicato con rito abbreviato 1 anno e 4 mesi di carcere, oltre al risarcimento del danno in favore della parte civile rappresentata in giudizio dall’avvocato Orlando Sapia e al pagamento di una provvisionale pari a 4mila euro. I fatti risalgono al 2 dicembre 2014, quando secondo la ricostruzione dei fatti, Biamonte, difeso dal legale Maurizio Giacobbe, aggredì in località Tre Arie nel Comune di Gimigliano un vicino confinante di terreno. Furono i carabinieri a soccorrere l’uomo che venne portato all’ospedale Pugliese- Ciaccio, riportando varie ferite lacero contuse e un ematoma al viso. In particolare Biamonte entrato nel terreno del vicino, avrebbe sottratto allo stesso l’ascia usata per tagliare la legna, colpendo il vicino e lasciandolo privo di sensi.

g. p.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
Da gennaio 2024 sono stati confermati 5 cinque casi nella stessa regione
L'Intervista
Lo scenario prefigurato dal docente Unical che estende il problema a tutto il Paese: "Lo Stato rischia di fallire"
l'inviato
In 200 vivono nel totale degrado in uno degli angoli più nascosti della tanto osannata Perla del Tirreno. Mezzo secolo di promesse e mancate risposte
Si tratta di due migranti di circa 30 anni, accusati di reati contro il patrimonio e la persona
Ceraso: “Oggi la mia gente ha dimostrato di non avere paura, sono orgoglioso di essere il loro sindaco”
Per ricostruire la dinamica dell'incidente sono intervenuti i carabinieri e gli ispettori dell'azienda sanitaria locale
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
La decisione del preside dell'Istituto Munari di Crema fa discutere ed è diventata un caso politico
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved