Calabria7

Lollobrigida: “No al Reddito di cittadinanza attuale. Sul resto possiamo discutere”

Reddito di cittadinanza

“L’impostazione che Giorgia Meloni ha dato è chiara: tutti gli aspetti non fondamentali della manovra possono essere discussi e ridefiniti. Se ci chiedono di mantenere così com’è il reddito di cittadinanza, noi diciamo di no. Ma su altre cose siamo disposti a ragionare con serenità”. Lo dice in un’intervista a ‘La Stampa‘ il numero due di Fratelli d’Italia e ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida, circa l’uso del pos e il tetto ai contanti. “Il Movimento 5 Stelle alimenta i discorsi di chi dice ‘se non avrò il reddito di cittadinanza allora andrò a rubare’. Una cosa inaccettabile. Noi diciamo ‘andrai a lavorare, non a rubare’. Non è vero che il lavoro non c’è, aggiunge Lollobrigida, il dibattito sul decreto flussi lo dimostra”.

L’obiettivo dei fondi

In merito al Pnrr osserva che “è stato scritto rapidamente, in una situazione moto differente a questa. Questo – dichiara – ha fatto sì che i progetti non rispondessero a una strategia precisa. Spesso sono stati utilizzati progetti vecchi, perché subito ‘cantierabili’ che nel frattempo però erano diventati irrealizzabili, a causa degli aumenti di materiali. L’obiettivo non è spendere i fondi, ma spenderli bene. Questi non sono soldi del Monopoli. Pongo una domanda: se l’Italia non è riuscita a spendere meno soldi in più tempo, come fa a spenderne di più in meno tempo? La macchina dello Stato è rimasta quella – conclude il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida -, nessuno ci ha lasciato un’organizzazione nuova”.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content