Calabria7

L’ospedale di Cosenza verso il collasso: tra boom di contagi e carenza di personale

oss annunziata ospedale cosenza

Sempre più critica la situazione all’ospedale Annunziata di Cosenza. L’emergenza Covid sta mettendo a dura prova il personale che opera all’interno del nosocomio cosentino e, in particolare, al Pronto Soccorso dove ieri si è formata anche una coda di ambulanze. Sono venticinque le persone positive in attesa di essere sistemate in reparto mentre altre 13 sono nel pronto soccorso dell’ospedale di Rossano. L’ospedale civile di Cosenza dispone di 130 posti letto Covid in totale. Di questi, al momento, 124 sono occupati; grave anche la situazione in terapia intensiva dove i 19 posti letto riservati a pazienti Covid sono tutti occupati.

La carenza di personale sanitario

La situazione è resa particolarmente grave a causa della carenza di personale sanitario dovuta sia alle ataviche problematiche legate al blocco del turn over, che non consente nuove assunzioni, ma anche alla non disponibilità di alcuni medici e infermieri a prestare servizio in questo momento così delicato nei reparti Covid. Intanto, l’Azienda sanitaria provinciale ha attivato le procedure per reperire personale sanitario. L’Asp ha inviato 50 lettere ed è in attesa delle risposte circa la disponibilità.

La situazione negli altri ospedali cosentini

Per quanto riguarda i posti letto gestiti dall’Asp cosentina, a Rossano l’Azienda è riuscita ad ampliare il reparto, che da questa mattina passa da 16 posti letto a 22 ed entro la prossima settimana arriverà a 40, grazie all’attivazione di ulteriori 18 posti. A Cetraro, invece, gli attuali 20 posti letto saranno estesi nelle prossime ore a 32, mentre ad Acri rimangono attivi 16 posti letto con 4 pazienti in dimissione oggi.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, il virologo Crisanti: “La terza ondata è una certezza”

Damiana Riverso

Vaccini, Calabria ultima nel rapporto tra dosi consegnate e somministate

Maria Teresa Improta

Coronavirus, la conferenza Stato-Regioni, via libera al vaccino. Si parte i primi di gennaio

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content