Calabria7

Lotta al caporalato, denunciate due aziende nel Reggino. Sanzioni per 8mila euro

A San Ferdinando, i Carabinieri, insieme ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Reggio Calabria, hanno denunciato in stato di libertà due titolari di aziende agricole e applicato sanzioni amministrative,  al fine di prevenire e reprimere il dilagante fenomeno del “caporalato”, aumentato soprattutto in questo periodo di raccolta degli agrumi e con la presenza di numerosi migranti in cerca di lavoro.

Sfruttamento dei migranti

In particolare, gli uomini dell’Arma hanno controllato un’impresa agricola, a Rosarno, e riscontrato la presenza di tre braccianti, tra i quali un lavoratore di origine africana “in nero” e un altro in assenza della prescritta visita medica.

Da verifiche effettuate presso una seconda azienda, invece, la cui sede legale risulta in Sicilia ma di fatto operante nel territorio della piana, i carabinieri hanno identificato, otto braccianti agricoli, due di origine africana e sei italiani: gli ulteriori accertamenti posti in essere, hanno poi permesso di verificare come quattro di essi risultassero sprovvisti anche delle visite mediche obbligatorie.

Ad entrambe le aziende i militari operanti, hanno contestato una sanzione amministrativa di 3.600 euro, e denunciato all’Autorità Giudiziaria i titolari, rispettivamente un uomo ed una donna, per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tentato furto aggravato continuato in abitazione, un arresto

manfredi

Nascondeva cocaina e marijuana in camera da letto, giovane arrestato in provincia di Cosenza

Maria Teresa Improta

Università di Reggio, inizia il master in gestione risorse territoriali

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content