Lotta alle mafie, Wanda Ferro: “Governo potenzierà l’uso dei beni confiscati”

"Supporto ai comuni, soprattutto quelli più piccoli e in cui c'è una maggiore concentrazione di beni confiscati alla criminalità"

“L’idea di legalita’ e’ direttamente connessa a quella dello sviluppo. I beni confiscati non devono essere lasciati improduttivi o peggio rappresentare un costo per la comunita’. Per questo l’obiettivo del governo Meloni e’ quello di valorizzare e potenziare le attivita’ volte al riutilizzo a fini sociali e istituzionali dei beni confiscati alla criminalita’ organizzata, che non solo colpiscono le organizzazioni criminali nel punto piu’ doloroso, quello finanziario, ma hanno anche un fortissimo valore simbolico per la comunita’. I luoghi del potere mafioso diventano presidi delle Forze dell’ordine o realta’ al servizio dei piu’ deboli”. Lo dice il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro (Fratelli d’Italia), concludendo questo pomeriggio a Napoli i lavori del Secondo Forum Espositivo sui beni confiscati, organizzato dalla Regione Campania.

“Governo potenzierà l’uso dei beni confiscati”

“Governo potenzierà l’uso dei beni confiscati”

“L’azione dello Stato – afferma il sottosegretario Wanda Ferro – non si ferma agli arresti, alla cattura di pericolosi latitanti, ma continua a colpire le cosche al cuore dei loro interessi, sottraendogli gli enormi patrimoni accumulati con le attivita’ criminali sulle spalle dei cittadini onesti e delle attivita’ economiche sane – aggiunge Ferro – per questo con il ministro Piantedosi stiamo rafforzando l’Agenzia nazionale dei beni confiscati e migliorando il quadro normativo e organizzativo per superare alcune inefficienze su cui si e’ costruita una ingiusta narrazione negativa che tende a delegittimare le misure di prevenzione facendo il gioco delle organizzazioni mafiose”. “Non puo’ passare l’immagine di uno Stato che con gli interventi di prevenzione e repressione lascia sui territori miseria e disoccupazione, mentre prima la criminalita’, in qualche modo, creava ricchezza e dava lavoro”, avverte.

“Aiutare le aziende a fare filiera”

“I dati smentiscono questa ricostruzione: delle 3mila aziende gestite dall’Agenzia solo il 5% risulta attiva sul mercato, mentre oltre il 67% sono scatole vuote che non hanno mai effettuato alcuna attivita’ economica o commerciale o non hanno mai avuto dipendenti, ma erano semplici cartiere che servivano soltanto a svolgere il ruolo di falsa fatturazione o di riciclaggio – spiega il sottosegretario Ferro – per queste realtà pensiamo di accelerare le procedure di cancellazione dal registro delle imprese, anche per non mantenere in vita aziende inattive con alti costi di gestione. C’e’ pero’ una quota di aziende, quasi un terzo, che e’ costituita dalle aziende che potrebbero avere una prospettiva economica qualora fossero nella condizione di superare il cosiddetto shock di legalita’, e l’obiettivo e’ quello di riportare queste realta’ ad essere competitive nel mercato legale, affiancandole con veri e propri strumenti di management e affidandone la gestione non a semplici consulenti tecnici, ma a figure professionali con competenze manageriali, capaci non solo di mantenere ma anche di potenziare la produttivita’ e il giro di affari e di commesse. Bisogna fare in modo che queste aziende vengano sostenute dal territorio e anche tenute in conto dalla pubblica amministrazione, e vanno aiutate a fare filiera”.

“Riduzione dei tempi delle procedure di destinazione”

“Ferro rimarca che “si sta lavorando anche per una piu’ completa conoscenza dei beni sequestrati e confiscati; una riduzione dei tempi di conclusione delle procedure di destinazione; l’interazione tra le banche dati dei soggetti istituzionali coinvolti; il supporto ai comuni, soprattutto quelli più piccoli e in cui c’e’ una maggiore concentrazione di beni, per una razionale ed efficace valorizzazione attraverso l’indicazione delle risorse nazionali e comunitarie disponibili e l’affiancamento nella progettazione”. “Serve un gioco di squadra tra la magistratura, i ministeri dell’Interno e della Giustizia, l’Agenzia del Demanio, possono essere coinvolti nei progetti di utilizzo dei terreni confiscati i ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente, ed e’ decisivo anche il ruolo delle Regioni, che possono mettere a disposizione risorse importanti sia per la ristrutturazione che per la gestione dei beni e che possono supportare i comuni nella predisposizione e nell’avvio dei progetti”, conclude.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'evasione in Calabria equivale al 18,8%, come se ogni 100 euro versati all'erario si "perdessero" 21,3 euro
"Serve l’impegno di ognuno. Aiutateci, con comportamenti responsabili, a mantenere pulito il nostro mare e segnalateci eventuali illeciti"
Calabria Verde ha proceduto alla pulizia di più di 100 aste fluviali tra principali e secondarie, comprese in 30 comuni
La manovra di Heimlich può salvare vite, ma deve essere eseguita solo quando la persona non è in grado di tossire, parlare o respirare
"Un solo imprenditore che ha denunciato in piu' di 15 anni di storia della Dda di Milano. E' un record negativo che Milano si porta dietro"
Eseguito il primo impianto di un innovativo dispositivo per il trattamento elettrico dello scompenso cardiaco refrattario
In quarantanove pagine le motivazioni che hanno portato all'assoluzione dei due imputati "per non aver commesso il fatto"
"Staremo sull’Aventino fino a quando il centrodestra proseguirà con la sua arroganza. Basta ai decreti omnibus"
Nel 2018 un detenuto svelò un piano ordito per eliminare il magistrato che aveva fatto arrestare diversi esponenti di spicco della 'ndrangheta
A Catanzaro i residenti chiedono all'amministrazione di intervenire nei pressi di un manufatto abbandonato e circondato dalla spazzatura
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved