Calabria7

Luca Carboni, la sua musica senza confini al Rendano (SERVIZIO TV)

“Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini”. Non poteva che iniziare così, con la frase del cosmonauta russo Jurij Gagàrin, il concerto di Luca Carboni a Cosenza.

IMMAGINI CONCERTO

Laser e giochi di luce, più di due ore di spettacolo. Direttamente dallo Spazio atterra sul palco del Teatro Rendano il cantautore bolognese affiancato dalla sua band.

Una tappa speciale del suo tour Sputnik, questa volta in ricordo di Lilli Funaro e alla mission della Fondazione a lei dedicata.

LUCA CARBONI

Ventiquattro brani, un viaggio nel tempo che ha ripercorso i 35 anni di onorata carriera del cantautore di fragole buone buone. Il concerto si apre con “I segni del tempo” e “Amore digitale”, “I film d’amore” per poi lasciare spazio ai ever-green. Dalla versione acustica di “Farfallina” e “Silvia lo sai”, a quella remixata di “Mare Mare”.

Una commistione anche di sonorità elettroniche e disco per uno spettacolo da extra-terrestri con l’atterraggio sul palco del deejay astronauta, Gino Latino.

E sulle note nostalgiche di “Vieni a vivere con me” si chiude la Primavera della Solidarietà promossa dalla Fondazione Lilli.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Giornata Internazionale della Montagna 2019

Mirko

Occupa area demaniale, denunciato 47enne nel Cosentino

Mirko

Coronavirus: a Cosenza parchi aperti per “situazioni particolari”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content