Calabria7

Lucano: “Non utilizzo strumentalmente il sentimento della pietà”

Ha il divieto di dimora a Riace l’ex sindaco Mimmo Lucano e non può in pratica vedere il padre Giuseppe, 93 anni, malato di leucemia.

Migliaia le firme raccolte sul web a sostegno di Lucano, ma alla pratica nulla si muove.

Neppure dopo l’intervento del Garante nazionale dei detenuti Mauro Palma che si è detto preoccupato di questa distorsione.

A nulla è fin qui servita la solidarietà nei suoi confronti e le 30mila firme in calce all’appello lanciato dalla piattaforma Change.org.

Lucano ha rilasciato alcune dichiarazioni al Manifesto sul tema.

“Io non ho mai chiesto, ne mai chiederò, alcuna deroga al divieto di dimora – ha detto Lucano. Non utilizzo strumentalmente il sentimento della pietà. Considero profondamente ingiusta la misura specie alla luce di ciò che sui fatti di reato che mi vengono addebitati ha scritto la Cassazione. Per il resto vado avanti a testa alta. Ho visto mio padre all’ospedale di Catanzaro, dove era ricoverato, e poi in quello di Locri. Quando l’hanno dimesso ci siamo guardati negli occhi, ci siamo abbracciati e abbiamo capito che forse sarebbe potuta essere l’ultima volta che ci vedevamo. E sia chiaro, io non andrò a Riace neanche nella malaugurata ipotesi dei suoi funerali. Io reclamo giustizia non commiserazione.

Leggi intervista integrale sul Manifesto

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Maltempo, domenica possibili piogge a carattere alluvionale

Matteo Brancati

Lo “smemorato” Cotticelli, l’alibi perfetto per un governo rosso senza vergogna

Mimmo Famularo

Calcio, il Consiglio Federale promuove la Reggina in Serie B: è ufficiale

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content