M5S, lungomare di San Lorenzo è l’ennesima orribile colata di asfalto

regione calabria m5s santelli

«Il lungomare di San Lorenzo, nel Reggino, è l’ennesima, inutile, orribile colata di asfalto su un ettaro di costa, che la locale amministrazione sta imponendo e cui ci opporremo investendo in primo luogo i ministeri dell’Ambiente e dei Beni culturali».

Lo affermano, in una nota, i deputati M5S Paolo Parentela e Giuseppe d’Ippolito, che aggiungono: «Nell’unità delle diverse forze sociali e culturali in campo, è fondamentale proseguire la  battaglia contro la cementificazione costiera della Calabria, che ha già creato danni incalcolabili e non ha mai prodotto lavoro, turismo e sviluppo. Nello specifico contrasteremo l’annunciato inizio dei lavori, considerato che il tratto di costa interessato, come hanno già rilevato gli attivisti di “Laboratorio territoriale”, di cui condividiamo analisi e obiettivi, è incluso nel Codice del Paesaggio del 2004 tra le aree non più urbanizzabili e in un Sito di Interesse Comunitario, con il rischio, dunque, dell’apertura di una procedura d’infrazione da parte della Commissione europea e della condanna a pagare almeno 2milioni di euro». «Inoltre – continuano i parlamentari del Movimento Cinque Stelle – questo progetto è sprovvisto di Valutazione d’impatto ambientale e di uno studio d’incidenza preliminare alla Valutazione di incidenza ambientale, con grossi dubbi su tutto l’iter amministrativo finora seguito. Infine nella fattispecie non risultano affatto considerati gli enormi costi pubblici di questa nuova cementificazione del  suolo. Invitiamo, allora, l’amministrazione comunale di San Lorenzo – concludono Parentela e D’Ippolito – a non procedere con i lavori e a rispettare le normative vigenti, altrimenti saremo costretti a denunciarli in ogni sede».

Lo affermano, in una nota, i deputati M5S Paolo Parentela e Giuseppe d’Ippolito, che aggiungono: «Nell’unità delle diverse forze sociali e culturali in campo, è fondamentale proseguire la  battaglia contro la cementificazione costiera della Calabria, che ha già creato danni incalcolabili e non ha mai prodotto lavoro, turismo e sviluppo. Nello specifico contrasteremo l’annunciato inizio dei lavori, considerato che il tratto di costa interessato, come hanno già rilevato gli attivisti di “Laboratorio territoriale”, di cui condividiamo analisi e obiettivi, è incluso nel Codice del Paesaggio del 2004 tra le aree non più urbanizzabili e in un Sito di Interesse Comunitario, con il rischio, dunque, dell’apertura di una procedura d’infrazione da parte della Commissione europea e della condanna a pagare almeno 2milioni di euro». «Inoltre – continuano i parlamentari del Movimento Cinque Stelle – questo progetto è sprovvisto di Valutazione d’impatto ambientale e di uno studio d’incidenza preliminare alla Valutazione di incidenza ambientale, con grossi dubbi su tutto l’iter amministrativo finora seguito. Infine nella fattispecie non risultano affatto considerati gli enormi costi pubblici di questa nuova cementificazione del  suolo. Invitiamo, allora, l’amministrazione comunale di San Lorenzo – concludono Parentela e D’Ippolito – a non procedere con i lavori e a rispettare le normative vigenti, altrimenti saremo costretti a denunciarli in ogni sede».

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I riscontri investigativi hanno consentito di individuare due diverse piazze di spaccio, una delle quali in centro e l'altra sulla Statale 18
Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che il maltempo si sta spostando le regioni meridionali
Tutte le persone che erano a bordo dell'autobus si sono salvate. Sull'incidente indagano i carabinieri
Interessati 5 mezzi, 3 dei quali sono stati completamente distrutti. Non si registrano danni a persone
La Procura aveva ottenuto il giudizio immediato per entrambi, ma poco prima dell'udienza gli imputati avevano chiesto il patteggiamento
Sul posto sono arrivati gli uomini della polizia, i quali hanno avviato le indagini
Le indagini sono condotte dai carabinieri che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto
Il piccolo aveva avuto un malore, poi è morto, ma i primi accertamenti dei medici non hanno consentito di accertarne le cause
Altri tre punti pesantissimi per i giallorossi, che salgono a +10 sulla prima esclusa dai playoff
I consiglieri regionali dem e Cambiavento hanno espresso soddisfazione per le elezioni che hanno portato per la prima volta una donna alla presidenza di quella Regione
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved