Maestrale, l’allarme della Dda: “Asp di Vibo condizionata totalmente dai clan”

Negli atti dell’inchiesta contestate irregolarità nell’appalto per la mensa negli ospedali della provincia (Vibo, Tropea e Serra San Bruno), concorsi pubblici pilotati e vicinanza di dirigenti medici con esponenti dei clan
asp di vibo

Anche l’Asp di Vibo Valentia finisce agli atti dell’inchiesta antimafia della Dda di Catanzaro denominata ‘Maestrale-Carthago’. La Procura distrettuale di Catanzaro, guidata dal procuratore Nicola Gratteri, dedica infatti un apposito capitolo dell’inchiesta “all’incidenza della criminalità organizzata sull’Asp di Vibo Valentia” e sottolinea che “il quadro investigativo emerso consente di avere un chiaro panorama di cointeressenza dell’Asp di Vibo Valentia sia con la criminalità organizzata e sia con esponenti politici di vario livello. Tale cointeressenza di fatto condiziona in modo totale – sottolinea la Procura antimafia – l’esercizio delle funzioni dell’ente che mediante i propri atti risponde a logiche criminali e politiche invece che perseguire l’interesse pubblico afferente la sanità”.

Le irregolarità contestate

Le irregolarità contestate

Negli atti dell’inchiesta contestate irregolarità nell’appalto per la mensa negli ospedali della provincia (Vibo, Tropea e Serra San Bruno), concorsi pubblici pilotati e vicinanza di dirigenti medici con esponenti della criminalità organizzata. L’Asp era stata sciolta per infiltrazioni mafiose dal Consiglio dei ministri nel dicembre del 2010 su proposta del ministro dell’Interno e della Prefettura. Spetterà ora al nuovo prefetto di Vibo, Paolo Giovanni Grieco, la decisione se inviare una Commissione di accesso agli atti all’Asp alla luce dell’inchiesta del procuratore Gratteri.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si giocherà stasera il primo turno dei playoff. Gara secca e senza ulteriori appelli. Alle Aquile basta un pari per la semifinale
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved