“Maggioranza sempre più divisa, lacerata e intollerante alle critiche”

Fabio Celia

“Questa maggioranza sempre più divisa, lacerata e intollerante alle critiche perché forse con il nervo scoperto, confonde il ruolo di controllo assegnato a noi dell’opposizione con il compito di dire che va sempre tutto bene. Anzi, magari, perfino di complimentarsi per l’ottimo lavoro svolto da Sergio Abramo come invece fa, in maniera acritica e automatica, parte del centrodestra fedele allo stesso sindaco”.

A esordire così è stato il consigliere comunale di Fare per Catanzaro, Fabio Celia, che in un comunicato stampa inviato agli organi di informazione ha aggiunto: “I pasdaran di Abramo non hanno gradito la mia nota sui concorsi pubblici per entrare nella pianta organica del Comune, bollandola come attacco strumentale. L’unica cosa che ormai sanno dire, spingendo il tasto replay sul loro telecomando, quando qualcuno dai banchi della minoranza si permette, udite udite, di disturbare il manovratore. Già, se si critica il primo cittadino per loro è lesa maestà, tanto più adesso che è impegnato in una bramosa ricerca della candidatura a governatore del centrodestra. Una smania irrefrenabile, pare, che non ammette macchie – ha incalzato il consigliere – al suo immacolato, almeno per come vorrebbe far credere, mandato di sindaco.

A esordire così è stato il consigliere comunale di Fare per Catanzaro, Fabio Celia, che in un comunicato stampa inviato agli organi di informazione ha aggiunto: “I pasdaran di Abramo non hanno gradito la mia nota sui concorsi pubblici per entrare nella pianta organica del Comune, bollandola come attacco strumentale. L’unica cosa che ormai sanno dire, spingendo il tasto replay sul loro telecomando, quando qualcuno dai banchi della minoranza si permette, udite udite, di disturbare il manovratore. Già, se si critica il primo cittadino per loro è lesa maestà, tanto più adesso che è impegnato in una bramosa ricerca della candidatura a governatore del centrodestra. Una smania irrefrenabile, pare, che non ammette macchie – ha incalzato il consigliere – al suo immacolato, almeno per come vorrebbe far credere, mandato di sindaco.

Una funzione delicata ricoperta, dicono i suoi in adorante contemplazione, in maniera tanto brillante da meritare la promozione a presidente della Regione. Ma questo a noi non interessa, problemi di Abramo e dei suoi aficionados”. Celia, dunque, confuta le valutazioni rese dagli abramiani sulla delicata questione concorsi a Palazzo De Nobili: “Insisto: poteva essere un’occasione più unica che rara, considerato il particolare momento vissuto, per implementare significativamente le risorse umane dell’ente e valorizzare al contempo delle figure professionali molto qualificate. Ma niente.

È diventata la solita opportunità che si è concessa una politica miope per fare clientela a buon mercato, costituendosi un serbatoio elettorale di cui adesso ha tanto bisogno”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La presunta ''spedizione punitiva' sarebbe scattata dopo che il giovane aveva inscenato una protesta, dando fuoco in cella ad alcuni fogli di giornale
Premiato come unico italiano dall’American College of Surgeons di Boston, è ordinario di chirurgia all’Università degli Studi di Milano
"Noi - ha detto don Nicola - siamo e dobbiamo essere una chiesa che ascolta e asciuga ogni lacrima, una chiesa con la quale condividiamo gioie e dolori"
Previste anche mareggiate con onde alte fino a 3-4 metri lungo le aree interessate dal maltempo
Storia di Lina, ferita durante un bombardamento nella Seconda guerra mondiale: "Quel giorno passò Pippo e ci centrò in pieno"
"La coalizione che ha portato Todde al successo - ha detto il capogruppo del Pd al Comune di Catanzaro - è un esperimento da portare ancora avanti a livello territoriale prima e nazionale poi"
Dopo la manifestazione per il decennale, dove sono stati premiati tantissimi donatori, domenica è toccato a quanti non furono presenti
Nato a Catanzaro nel 1952 da padre penalista, Catricalà fu il primo dirigente bipartisan dello Stato nel bipolarismo della seconda Repubblica
Scoperta una vera e propria centrale internazionale di riciclaggio: stimati in circa seimila i 'clienti' della banda
Già consigliere strategico del Ministero della Difesa dal 2012 al 2018, Mergelletti è attualmente Consigliere per le Politiche di Sicurezza e di contrasto al Terrorismo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved