Calabria7

Mala Pigna, la Cassazione respinge il ricorso: Pittelli resta agli arresti domiciliari

pittelli

La Corte di Cassazione ha confermato gli arresti domiciliari per Giancarlo Pittelli nell’ambito dell’inchiesta “Mala Pigna” coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e per la quale è accusato di concorso esterno per aver agevolato la cosca Piromalli di Gioia Tauro. Rigettato il ricorso presentato dai suoi avvocati che avevano chiesto la revoca della misura cautelare confermata nel novembre dello scorso anno dal Tribunale del Riesame. Secondo al Dda di Reggio Calabria, Pittelli avrebbe mantenuto dei rapporti costanti con alcuni esponenti della cosca Piromalli di Gioia Tauro, garantendo al sodalizio la sua disponibilità e la sua collaborazione. L’ex parlamentare di Forza Italia ha sempre respinto le accuse sostenendo di aver mantenuto con gli esponenti del clan solo rapporti di tipo professionale esclusivamente nel ruolo di avvocato difensore.

Rinascita Scott e l’attesa per l’altro verdetto della Cassazione

La Corte di Cassazione sarà chiamata a decidere le sorti di Giancarlo Pittelli in un altro procedimento penale, il maxi processo Rinascita Scott dove il noto penalista catanzarese è imputato per concorso esterno in associazione mafiosa, rivelazione e utilizzazione del segreto di ufficio, abuso di ufficio. Pittelli rischia di tornare in carcere e il verdetto è atteso per il 15 luglio prossimo. Gli avvocati difensori Salvatore Staiano e Guido Contestabile hanno proposto appello davanti al Supremo collegio contro la decisione con cui i giudici del Riesame di Catanzaro hanno accolto il ricorso del pool dei magistrati antimafia guidati dal procuratore capo Nicola Gratteri di rimandare in cella l’ex parlamentare di Forza Italia, annullando l’ordinanza con cui il Tribunale collegiale di Vibo Valentia, aveva disposto la  misura cautelare agli arresti domiciliari (LEGGI QUI).

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Perde controllo del drone che si impiglia tra i cavi dell’alta tensione (VIDEO)

Matteo Brancati

Sanità in Calabria, rassegna le dimissioni il subcommissario Pellicanò

Maria Teresa Improta

Carabiniere si lancia in mare e salva uomo che stava annegando

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content